136 CONDIVISIONI
28 Maggio 2019
13:36

Lo sciame di satelliti del progetto Starlink di Elon Musk preoccupa gli scienziati: ecco perché

Col progetto Starlink Elon Musk vuol rendere disponibile internet a banda larga in ogni angolo della Terra, ma per farlo dovrà inviare ben 12mila satelliti nell’orbita bassa terrestre. Per gli scienziati e gli astrofili questo immenso sciame di oggetti potrebbe rappresentare un grosso problema: ecco perché.
A cura di Andrea Centini
136 CONDIVISIONI
Credit: Marco Langbroek/Vimeo
Credit: Marco Langbroek/Vimeo

La sera di giovedì 23 maggio SpaceX ha lanciato in orbita 60 satelliti sperimentali del progetto Starlink, destinato a diffondere internet a banda larga sull'intero Pianeta, anche in zone dove normalmente la rete non è accessibile (come deserti, oceani e le aree più remote della Terra). Per raggiungere questo ambizioso obiettivo la compagnia aerospaziale privata di Elon Musk è intenzionata a posizionare nell'orbita bassa terrestre ben 12mila di questi piccoli satelliti, una vera e propria invasione del cielo aspramente osteggiata dagli astronomi e dagli astrofili. Vediamo perché.

Inquinamento luminoso. Chiunque sia appassionato di fotografia astronomica, che richiede lunghe esposizioni e la somma di più scatti per ottenere il risultato desiderato, ha sicuramente gettato nel cestino numerose immagini a causa del passaggio di aerei e satelliti, che lasciano fastidiose scie innanzi al soggetto da immortalare. Ad oggi vi sono oltre 5.100 satelliti che viaggiano sopra alle nostre teste, lasciati in orbita da quando è iniziata la conquista dello spazio. Col progetto di Musk questo numero verrebbe più che triplicato, riempiendo di fatto la volta celeste con un vero e proprio sciame di oggetti. Per quanto suggestivo, il “treno di luci” dei 60 satelliti sperimentali immortalato da alcuni osservatori non sarebbe che l'inizio di questa invasione. Fortunatamente i satelliti non emettono luce propria, dunque non sono visibili quando entrano nell'ombra della Terra, inoltre i curiosi "trenini" spariranno col passare del tempo perché i satelliti si alzeranno sempre più di quota e si diraderanno. Dovrebbero restare invisibili ad occhio nudo per la maggior parte del tempo e in buona parte delle aree geografiche, tuttavia essi possono rappresentare un serio problema per gli astronomi che studiano gli oggetti del profondo cielo con i grandi telescopi e per gli astrofotografi impegnati negli scatti a lung posa.

Radioastronomia. I più preoccupati del progetto Starlink sono i radioastronomi, che attraverso i radiotelescopi catturano i debolissimi segnali radio provenienti dallo spazio profondo. Con un simile nugolo di satelliti andrebbero “cancellate” le preziose tracce di oggetti ed eventi lontani, e l'unico modo per continuare a studiarli potrebbe essere quello di andare a piazzare un radiotelescopio sulla faccia nascosta della Luna, come suggerito dall'astronomo Alan Duffy dell'Università Swinburne, che è anche ricercatore capo presso la Royal Institution of Australia.

Spazzatura spaziale. Un altro problema è rappresentato dalla spazzatura spaziale, tenendo presente il lancio di un numero così elevato di satelliti (che pesano 264 chilogrammi ciascuno e hanno le dimensioni di una scrivania). Per gli scienziati c'è il concreto rischio della cosiddetta “Sindrome di Kessler”, uno scenario proposto nel 1978 dallo scienziato della NASA Donald Kessler. I pratica, a causa dell'eccessiva presenza di oggetti nell'orbita bassa, è sufficiente che un detrito ne colpisca e distrugga uno per creare un'inarrestabile reazione a catena, in grado di disintegrare un grande numero di satelliti e creare un vero e proprio cimitero di spazzatura spaziale, con tutti i rischi che esso comporta. Per quanto rivoluzionario, il progetto Starlink potrebbe dunque creare non pochi problemi, anche se Elon Musk è comunque deciso a continuare per la propria strada.

136 CONDIVISIONI
Neuralink: l'innovativo sistema di Elon Musk che metterà in comunicazione uomini e macchine
Neuralink: l'innovativo sistema di Elon Musk che metterà in comunicazione uomini e macchine
114 di Videonews
Tesla Bot, il robot umanoide di Elon Musk: il suo scopo sarà aiutare l'uomo
Tesla Bot, il robot umanoide di Elon Musk: il suo scopo sarà aiutare l'uomo
319 di Videonews
Elon Musk vuole lanciare bombe nucleari su Marte per renderlo abitabile
Elon Musk vuole lanciare bombe nucleari su Marte per renderlo abitabile
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni