Louis Léopold Boilly, La vaccinazione (1807)
in foto: Louis Léopold Boilly, La vaccinazione (1807)

Tra le grandi epidemie del passato, di assoluta rilevanza è quella del vaiolo umano. Ne parlavamo anche qui, in una rassegna sulle principali infezioni che hanno sconvolto il mondo, indicando come il Variola virus abbia tenuto il pianeta sotto scacco per oltre tremila anni prima di essere sconfitto. Come noto, l’ultima persona a contrarre la malattia è stata Ali Maow Maalin, un cuoco somalo e operatore sanitario di Merca, al quale il vaiolo fu diagnosticato nel 1977, salvo poi riprendersi completamente. Nel 1980 il vaiolo è stato dichiarato definitivamente eradicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ma fino al XIX secolo “ha provocato più morti di qualsiasi altra malattia infettiva, comprese la peste e il colera” si legge in un nuovo studio pubblicato su Plos Biology dai ricercatori della McMaster University di Hamilton, in Canada.

L'evoluzione del vaiolo tra il XVII e il XX secolo

Gli studiosi hanno provveduto a digitalizzare i registri settimanali del London Bills of Mortality e del Registrar General’s Weekly Returns, identificando come a Londra, tra il XVII e il XX secolo, l’andamento della mortalità dovuta al vaiolo sia cambiata in risposta agli interventi di controllo, alle politiche di salute pubblica e alla stagionalità.

L’indagine circa l’evoluzione dell’epidemia di vaiolo è importante non solo per comprendere l’epidemiologia di una malattia che è stata eccezionalmente importante nella storia umana – spiegano gli autori dello studio – . La comprensione di come gli eventi storici possano aver avuto un impatto nella dinamica della malattia è di particolare importanza anche quando si cerca di controllare la diffusione di qualsiasi altra patologia infettiva, compresa l’infezione da coronavirus (Covid-19)”.

Andamento temporale dell’epidemia di vaiolo a Londra / Plos Biology
in foto: Andamento temporale dell’epidemia di vaiolo a Londra / Plos Biology

L’analisi, condotta in un arco di tempo di quasi trecento anni (dal 1664 al 1930), ha messo in evidenza come un miglior controllo del virus fosse associato a un minor numero di morti per vaiolo. “Le tempistiche storiche degli eventi e l’adozione degli interventi, mostrate accanto ai dati e alle analisi sul vaiolo nella figura dovrebbero aiutare nella formulazione di ipotesi meccanicistiche, specialmente in relazione alla storia delle strategie di controllo – indicano i ricercatori – .

Inoltre, è importante considerare anche le serie temporali di variabili storiche e ambientali aggiuntive. Fattori economici, come i prezzi del grano, potrebbero aver influenzato i tassi di trasmissione e / o mortalità. Allo stesso modo, anche i cambiamenti climatici, soprattutto di umidità e temperatura, possono aver influenzato la stagionalità del vaiolo”. D’altra parte, sottolineano gli studiosi, il ruolo primario della vaccinazione nell’eliminazione definitiva della mortalità da vaiolo a Londra “non è in discussione”.