5.973 CONDIVISIONI
11 Marzo 2021
16:49

L’epidemia di influenza non c’è stata: le misure anti Covid hanno “cancellato” i contagi

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha pubblicato l’ultimo bollettino del sistema nazionale di sorveglianza epidemiologica e virologica dell’influenza “InfluNet”, che conferma la bassa incidenza dei casi di sindromi simil influenzali nella stagione 2020-2021, costantemente sotto la soglia epidemica. Tra il 1 e il 7 marzo nessun campione biologico analizzato è risultato positivo ai virus influenzali. A “cancellare” l’epidemia di influenza le misure anti Covid.
A cura di Andrea Centini
5.973 CONDIVISIONI

La stagione influenzale 2020-2021 si sta avviando verso la sua naturale conclusione senza essere mai iniziata effettivamente, grazie alle misure anti Covid. Si può sottolineare – senza esagerare – che l'epidemia di influenza, in Italia, negli ultimi mesi non c'è stata. A dimostrarlo i dati dell'ultimo bollettino settimanale di “InfluNet”, il sistema nazionale di sorveglianza epidemiologica e virologica dell’influenza gestito in collaborazione tra l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) e il Ministero della Salute. Basti sapere che nella nona settimana del 2021, quella compresa tra lunedì 1 e domenica 7 marzo, dei 241 campioni clinici analizzati dai laboratori nessuno è risultato positivo al virus influenzale, come si legge nel comunicato stampa che accompagna il rapporto completo. Ma non è risultato positivo al virus influenzale nessuno dei 4.183 campioni analizzati dall'inizio della sorveglianza. Per contro, 46 dei campioni relativi alla settimana in esame sono risultati positivi al coronavirus SARS-CoV-2, il patogeno responsabile della pandemia di COVID-19 che stiamo vivendo. Nel complesso, sono 718 i campioni clinici fra quelli analizzati dalla rete InfluNet a essere risultati positivi al patogeno pandemico.

Per quanto concerne il parametro legato alle sindromi simil-influenzali, l'incidenza “si mantiene stabilmente sotto la soglia basale con un valore pari a 1,86 casi per mille assistiti”, scrive l'Istituto Superiore di Sanità, facendo un paragone eloquente con quanto avvenuto lo scorso anno. Nella nona settimana del 2020, la curva epidemiologica delle sindromi simil-influenzali “continuava la sua discesa dopo aver raggiunto il picco epidemico stagionale e il livello di incidenza era pari a 5,3 casi per mille assistiti”. Dall'inizio della sorveglianza, per la stagione 2020-2021 i casi stimati di sindrome simil-influenzale risultano poco meno di 2 milioni (1.985.000), mentre per la settimana dall'1 al 7 marzo sono stati 111.800 mila (erano stato 103.700 nella precedente e 98.500 in quella ancora prima). Ma più delle parole, a sottolineare quanto sia anomala la stagione influenzale in corso vi è il grafico sottostante. La stagione 2020-2021, in rosso, è rimasta praticamente sempre piatta, senza oltrepassare la soglia basale/epidemica, mentre negli altri anni sono evidenti gli altissimi picchi delle curve epidemiologiche.

Prendendo in considerazione le varie fasce di età, nella prima settimana di marzo l’incidenza è stata pari a 4,57 casi per mille assistiti tra 0 e 4 anni; di 1,93 nella fascia di età 5-14 anni; di 1,86 tra i 15 e i 64 anni e di 1,02 casi per mille assistiti tra chi aveva un'età pari o superiore ai 65 anni. L'Istituto Superiore di Sanità sottolinea che Calabria e Sardegna non hanno attivato la sorveglianza a causa dell'emergenza coronavirus, mentre l'incidenza risulta sotto al basale per tutte le Regioni (dove tuttavia risulta fortemente influenzata dal “ristretto numero di medici e pediatri che hanno inviato, al momento, i loro dati”). Al netto di tale premessa, risulta comunque evidente l'impatto delle misure introdotte per combattere il SARS-CoV-2: distanziamento sociale, uso delle mascherine e lavaggio frequente delle mani hanno ridotto in maniera significativa la circolazione di tutti i virus influenzali e parainfluenzali.

5.973 CONDIVISIONI
In Italia l'influenza stagionale “cancellata” dalle misure anti COVID
In Italia l'influenza stagionale “cancellata” dalle misure anti COVID
Le misure anti COVID hanno abbattuto del 99,9% i casi di influenza in Nuova Zelanda
Le misure anti COVID hanno abbattuto del 99,9% i casi di influenza in Nuova Zelanda
Le misure anti Covid potrebbero aver fatto estinguere due ceppi di virus dell'influenza
Le misure anti Covid potrebbero aver fatto estinguere due ceppi di virus dell'influenza
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni