124 CONDIVISIONI
Covid 19
18 Novembre 2021
11:24

Le mascherine abbattono la diffusione dei contagi da Covid del 53%: continuiamo a usarle

Uno studio internazionale ha dimostrato che l’uso delle mascherine abbatte l’incidenza della COVID-19 del 53%. Efficaci anche distanziamento e igiene delle mani.
A cura di Andrea Centini
124 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'uso della mascherina abbatte del 53 percento il tasso dei contagi da coronavirus SARS-CoV-2, il patogeno responsabile della pandemia di COVID-19. Anche il distanziamento fisico e il certosino e costante lavaggio delle mani – con acqua e sapone o un gel idroalcolico – offrono una protezione efficace, tuttavia il miglior risultato emerso dall'indagine è legato proprio all'uso del dispositivo di protezione individuale per il viso. Assieme alla fondamentale campagna vaccinale, dunque, a quasi due anni dalla diffusione del patogeno pandemico a Wuhan, in Cina, le misure anti Covid di base rappresentano ancora oggi un'arma estremamente preziosa per contenere le curve epidemiologiche. A maggior ragione se si tiene presente che nessun vaccino offre un'efficacia del 100 percento, inoltre vi sono moltissime persone (oltre 7 milioni in Italia) che non hanno ancora ricevuto la prima dose per scelta personale. In Europa stiamo vivendo una drammatica quarta ondata guidata dalla variante Delta e gli scienziati raccomandano di seguire scrupolosamente le misure anti Covid, oltre che naturalmente di vaccinarsi.

A determinare che le mascherine abbattono di oltre il 50 percento l'incidenza dei contagi è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati australiani della School of Public Health and Preventive Medicine dell'Università Monash di Melbourne, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi della Monash Outcomes Research and Health Economics Unit (MORE), dell'Università Torrens, del The Usher Institute dell'Università di Edimburgo e della Scuola di Medicina dell'Università Zhejiang di Hangzhou, Cina. Gli scienziati, coordinati dalla professoressa Stella Talic, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto una revisione sistematica e una meta analisi di decine di studi dedicati agli interventi non farmaceutici (NPI) per contenere la diffusione del SARS-CoV-2 in numerosi Paesi, come appunto l'uso delle mascherine e il distanziamento sociale. Come specificato nell'abstract della ricerca, 72 studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione, dei quali 35 hanno valutato l'impatto delle singole misure di sanità pubblica e 37 hanno invece valutato un insieme di interventi. Otto delle indagini sono state incluse nella meta analisi, dalla quale è stata determinata l'efficacia delle singole norme anti contagio.

Come indicato dalla professoressa Talic e colleghi, la riduzione dell'incidenza della COVID-19 associata all'uso delle mascherine è stata del 53 percento (0.47, da 0.29 a 0.75, I2=84%). Per il distanziamento fisico è stato osservata una riduzione di circa il 25 percento (0.75, da 0.59 a 0.95, I2 = 87%), mentre per il lavaggio delle mani è stato ottenuto un risultato analogo a quello delle mascherine (0.47, intervallo di confidenza 95% da 0.19 a 1.12, I2 = 12%). Tuttavia, per quanto concerne il lavaggio delle mani, il numero di studi specifici era molto piccolo e dunque la rilevanza statistica non è significativa. Gli autori dello studio sottolineano inoltre che non è stato possibile condurre un'indagine approfondita sugli altri interventi non farmaceutici che hanno caratterizzato la pandemia di COVID-19, come le quarantene, l'isolamento, i famigerati lockdown, la chiusura delle frontiere fra i Paesi, lo smart working, la didattica a distanza e tutte le altre restrizioni e chiusure con le quali abbiamo imparato a convivere da oltre un anno e mezzo. L'esclusione degli studi dedicati a questi fattori, specificano gli esperti, è stata decisa a causa della progettazione delle diverse ricerche, di qualità contrastante e con risultati divergenti. I dettagli della ricerca “Effectiveness of public health measures in reducing the incidence of covid-19, SARS-CoV-2 transmission, and covid-19 mortality: systematic review and meta-analysis” è stata pubblicata sull'autorevole rivista scientifica The British Medical Journal (BMJ).

124 CONDIVISIONI
28204 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni