Un team di zoologi britannici dell'Università di Exeter e dell'Università Anglia Ruskin ha dimostrato che anche le lontre sfruttano le cosiddette "strategie di apprendimento sociale". Si tratta, in parole semplici, della capacità di apprendere comportamenti e replicarli dopo averli visti compiere da altri esemplari, generalmente del proprio nucleo famigliare. Al di là dell'essere umano, che dell'insegnamento ha fatto una vera e propria arte e ci ha costruito attorno la propria civiltà, tali strategie sono comuni anche in altri gruppi di mammiferi, come primati e cetacei, ma anche negli uccelli.

I piccoli scimpanzé, ad esempio, imparano a sfruttare utensili per mangiare insetti e semi dopo aver osservato gli adulti, mentre le orche, tecnicamente grossi delfini, compiono battute di caccia “didattiche” per insegnare agli esemplari giovani come catturare balene e pinnipedi. Nelle acque della Patagonia esiste invece un piccolo gruppo di questi cetacei che di generazione in generazione si tramanda la tecnica di spiaggiamento, utile per catturare i leoni marini sulla battigia. Di esempi ce ne sarebbero tantissimi.

Sino ad oggi le strategie di apprendimento sociale non erano state valutate nelle lontre, così i ricercatori britannici, coordinati dalla professoressa Neeltje Boogert, hanno deciso di studiare i comportamenti di due specie distinte: la lontra liscia (Lutrogale perspicillata) e la lontra dalle piccole unghie asiatica (Aonyx cinerea). La scelta delle due specie non è stata casuale, dato che la prima caccia il pesce in gruppo, mentre la seconda si nutre generalmente di molluschi e crostacei senza la necessità di particolari strategie.

 

I ricercatori hanno sottoposto gli animali a una serie di test (legati al cibo) per verificarne il comportamento, e hanno scoperto che le strategie di apprendimento sociale erano presenti solo nella lontra liscia. Probabilmente proprio per l'attitudine alla caccia di gruppo. Tra i test proposti vi erano lo svitamento di contenitori, l'esecuzione di determinate manovre e la rimozione di clip, tutte azioni per raggiungere gli agognati gamberetti e il pesce. Gli studiosi hanno scoperto che i piccoli di lontra liscia imparano le tecniche vincenti più velocemente degli adulti, fino a sei volte, inoltre la “forza” del legame sociale amplifica ulteriormente il processo. I fratelli minori, ad esempio, durante i test copiavano più facilmente e rapidamente da quelli maggiori. Boogert e colleghi spiegano che conoscere questi aspetti etologici potrebbe favorire la reintroduzione delle lontre in natura, considerando che alcune specie sono vulnerabili o addirittura in pericolo di estinzione. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati su Royal Society Open Science.

[Credit: Stevebidmead]