Credit: Skeeze
in foto: Credit: Skeeze

Le balene, e in particolar modo quelle più grandi come la balenottera azzurra (Balaenoptera musculus) e la balenottera comune (Balaenoptera physalus), giocano un ruolo preziosissimo nell'eliminazione dell'anidride carbonica (CO2) immessa in atmosfera, contribuendo a contrastare il riscaldamento globale alla base dei cambiamenti climatici. In parole semplici, il loro ecosistema cattura ogni anno il 40 percento del principale dei gas serra prodotto naturalmente e dall'uomo, cioè circa 37 miliardi di CO2. È una quantità enorme, equivalente a quella assorbita da 1.700 miliardi di alberi. È decine e decine di volte superiore a quella “catturata” da tutte le piante ad alto fusto presenti nei più grandi Parchi Nazionali degli Stati Uniti, e quattro volte in più  di quella di tutta la Foresta Amazzonica, conosciuta come il “polmone verde” della Terra.

Le balene, dunque, possono rappresentare una vera e propria arma contro i cambiamenti climatici, soprattutto se si riuscisse a riportare le popolazioni di questi grandi cetacei misticeti ai numeri precedenti dell'epoca baleniera. Basti pensare che oggi si stima sopravvivano tra le 5 e le 10mila balenottere azzurre, circa il 3 percento delle centinaia di migliaia che un tempo popolavano gli oceani prima della caccia industriale. La balenottera azzurra è stata tra le più cacciate perché si tratta dell'animale più grande mai vissuto sulla Terra, più degli stessi dinosauri, con i suoi oltre 30 metri di lunghezza massima per più di 150 tonnellate di peso. Sorti analoghe sono toccate ad altre specie di grandi cetacei; in totale si stima che oggi sopravviva un quarto delle balene di un tempo. Se si riuscisse a far rifiorire le popolazioni di questi animali, molti dei quali ancora minacciati di estinzione, per ogni punto percentuale raggiunto verrebbero strappate dall'atmosfera ingenti quantità di CO2, con benefici per tutto il pianeta.

Ma come fanno le balene a eliminare tutta questa CO2? Innanzitutto, nell'arco della propria vita una grande balena accumula fino a 33 tonnellate di CO2, e quando muore la porta sul fondo degli oceani, eliminandola per secoli dalla circolazione atmosferica. Per fare un paragone, in media un albero assorbe circa 21 chilogrammi di CO2 ogni anno, benché siano noti dei veri e propri colossi – come quelli appena scoperti nella Foresta Amazzonica – ben più capaci. Non è comunque questo il passaggio fondamentale che può aiutare l'ambiente, bensì quello legato al fitoplancton, che rappresenta il vero polmone verde della Terra. Scendendo verso il fondo del mare e risalendo in superficie, le balene quando defecano rilasciano escrementi ricchissimi in azoto e ferro, due minerali che catalizzano la diffusione nel fitoplancton. Non è un caso che dove ci sono più balene si trovano anche le concentrazioni più elevate di questi microorganismi vegetali, il cui ciclo vitale strappa le quantità maggiori di anidride carbonica dall'atmosfera.

Ne consegue che favorendo il ripopolamento delle balene, proteggendone l'habitat naturale e mettendo per sempre la parola fine alla caccia, si potrebbe contribuire in modo sostanziale e totalmente sostenibile la lotta ai cambiamenti climatici. A proporre questa soluzione è stato il Fondo Monetario Internazionale, che ha commissionato uno studio ad hoc sugli ecosistemi popolati dai giganti del mare.