La mattina presto di martedì 18 febbraio potremo ammirare nel cielo la prima congiunzione astrale di febbraio, uno spettacolare duetto tra il “Pianeta RossoMarte e una sottile falce di Luna calante. I due oggetti celesti saranno seguiti a distanza dai giganti gassosi Giove e Saturno, dando vita a un bellissimo “allineamento” nel cielo sudorientale. Il valzer tra Luna e Marte farà da apripista ad altre due congiunzioni astrali in sequenza, il 19 e il 20 sempre al mattino presto; la falce di Luna danzerà prima con Giove e poi con Saturno. Ecco tutto quello che c'è da sapere per non perdersi lo spettacolo di domattina.

Il primo dei due oggetti a comparire sulla volta celeste sarà il falcetto di Luna calante, che farà capolino attorno alle 03:27 (ora di Roma) a Sud Est. Circa mezz'ora dopo, alle 03:55, sarà anche il turno del Pianeta Rosso, che emergerà a pochi gradi di distanza dal satellite della Terra, poco più in basso a sinistra. I due si “abbracceranno” nella costellazione del Sagittario, appena al di sotto della costellazione dell'Ofiuco, a sinistra dello Scorpione e a destra dello Scudo. Per iniziare ad apprezzare la congiunzione astrale sarà necessario attendere che i due corpi celesti salgano a sufficienza nel firmamento, a meno che non siate affacciati sulla costa adriatica o abbiate l'orizzonte orientale completamente sgombro da ostacoli naturali e artificiali come case, alberi e montagne.

La falce di Luna, Marte, Giove e Saturno nel cielo sudorientale del 18 febbraio. Credit: simulazione con Stellarium
in foto: La falce di Luna, Marte, Giove e Saturno nel cielo sudorientale del 18 febbraio. Credit: simulazione con Stellarium

A rendere particolarmente suggestiva la congiunzione astrale il fatto che a poca distanza si troveranno anche Giove e Saturno, tutti incastonati nel cuore della costellazione del Sagittario. Il gigante del Sistema solare si paleserà alle 5 del mattino, mentre il “Signore degli Anelli” arriverà esattamente 36 minuti più tardi. L'effettiva congiunzione astrale sarà solo tra Luna e Marte, ma poter ammirare i quattro oggetti allineati sarà un motivo in più per volgere lo sguardo al cielo. Lo spettacolo si concluderà attorno alle 06:45, quando i raggi del Sole (che sorgerà alle 7:03) inizierà a “cancellare” dal firmamento i protagonisti della danza, uno ad uno. Il primo a sparire sarà proprio Marte, il meno luminoso del gruppo. La falce di Luna calante resterà nel cielo fino alle 12:30 circa, quando si tufferà sotto l'orizzonte sudoccidentale.

Il metodo migliore per apprezzare una congiunzione astrale è a occhio nudo, e lo è ancor di più quando si verificano allineamenti con più oggetti che occupano un'ampia porzione della volta celeste. Per chi possiede un obiettivo grandangolare o comunque in grado di cogliere un'ampia porzione di cielo è possibile tentare uno scatto a lunga esposizione in cui sono presenti la Luna, Marte, Giove e Saturno tutti assieme. Un bellissimo ricordo di un evento astronomico da non perdere.