La Luna e Saturno. Credit: Andrea Centini–Luna/ NASA–Saturno
in foto: La Luna e Saturno. Credit: Andrea Centini–Luna/ NASA–Saturno

Attorno al tramonto di venerdì 27 dicembre potremo ammirare nel cielo una splendida congiunzione astrale tra un falcetto di Luna crescente – quasi impercettibile – e il “Signore degli AnelliSaturno. I due oggetti saranno visibili nel cielo sudoccidentale, piuttosto bassi sull'orizzonte. Si tratterà del penultimo valzer celeste dell'anno e del decennio; il 2019, infatti, si chiuderà in bellezza con la spettacolare danza celeste tra la Luna e Venere attesa per domenica 29. Ecco tutto quello che c'è da sapere per non perdersi il duetto tra il satellite della Terra e il gigante gassoso.

Per osservare la congiunzione astrale bisognerà puntare lo sguardo a Sud Ovest, poco più a sinistra del punto in cui tramonterà il Sole. Come sempre non si deve mai osservare direttamente la stella, dato che si rischiano gravissimi danni alla vista e persino la cecità. Il tramonto è atteso per le 16:45 ora di Roma, e non appena il cielo sarà sufficientemente buio sarà possibile scorgere Saturno nel suo caratteristico colore bianco-giallognolo. Il pianeta con gli anelli si paleserà a pochi gradi distanza alla destra della Luna. Trovare la “regina della notte” il 27 non sarà facile come in altre occasioni; il novilunio è infatti atteso per le 06:13 di giovedì 26, dunque potremo scorgere nel cielo soltanto un sottilissimo falcetto di Luna crescente.

Congiunzione astrale Luna–Saturno. Credit: Stellarium
in foto: Congiunzione astrale Luna–Saturno. Credit: Stellarium

Entrambi gli oggetti celesti si troveranno nella parte alta della costellazione del Sagittario, circondati dalla costellazione del Microscopio (a sinistra), dello Scudo (a destra) e del Capricorno in alto. Un buon punto di riferimento potrebbe essere il luminosissimo “Pianeta dell'Amore” Venere, posto in alto e a sinistra dei due protagonisti della congiunzione astrale. Come indicato, i due oggetti inizieranno a danzare assieme quando saranno piuttosto bassi sull'orizzonte, dunque la congiunzione astrale non sarà particolarmente lunga. Ci sarà soltanto un'oretta di tempo, prima di vederli sparire dietro la linea dell'orizzonte a Sud Ovest.

Si tratterà di un'occasione da non perdere soprattutto per vedere Saturno e i suoi anelli, anche con un piccolo telescopio amatoriale. Il gigante gassoso molto presto diventerà infatti inosservabile, dopo aver dominato il cielo per diversi mesi in compagnia di Giove. Dovremo attendere diverso tempo prima di vederlo di nuovo impreziosire il firmamento.