E' nei mesi che precedono la nascita che viene scritto il destino della persona autistica. Secondo l'Autism Center of Excellence dell'Università della California, a San Diego, l'autismo potrebbe essere causato nel feto da una formazione incompleta della corteccia cerebrale. La mancanza di sviluppo di alcune regioni di questo strato sono state già messe in relazione in passato con l'autismo. E' alla corteccia, del resto, che si attribuiscono alcune funzioni complesse che attengono al pensiero, alla memoria, alla coscienza, alla concentrazione e al linguaggio. Durante lo sviluppo fetale le famiglie di neuroni si strutturano in sei diversi strati, ognuno dei quali diventa portatore di una determinata parte dell'identità genetica del soggetto. I ricercatori, come riporta la sintesi pubblicata sul New England Journal of Medicine, hanno confrontato la corteccia cerebrale di bambini di età compresa tra 2 e 15 anni, alcuni dei quali autistici. Il confronto con esame genetico ha evidenziato parti di corteccia non strutturati nei sei strati, il che confermerebbe che l'autismo si sviluppa nei mesi della gestazione. Una simile scoperta, ove confermata da esami successivi, potrebbe aprire il campo ad ulteriori sperimentazioni e interventi medici e, ancora prima, potrebbe negare la relazione tra autismo e vaccino trivalente su cui sta indagando, tra le altre, la Procura di Trani.

[Foto da Wikipedia]