Un farmaco innovativo in grado di abbattere i sintomi dell'influenza con una sola dose è stato appena approvato dalla Food And Drug Administration (FDA), l'ente governativo statunitense deputato al controllo dei prodotti alimentari, farmaceutici e delle terapie sperimentali. Sarà commercializzato sul territorio USA nelle prossime settimane col nome commerciale di Xofluza, appena in tempo per contrastare l'imminente stagione influenzale. Il principio attivo del farmaco, il baloxavir marboxil, è stato messo a punto dalla società farmaceutica giapponese Shionogi & Company-Limited di Osaka in collaborazione con il colosso svizzero Roche AG.

Già disponibile da alcuni mesi sul suolo nipponico, lo Xofluza è il primo farmaco approvato negli ultimi 20 anni dalla FDA per il trattamento dell'influenza. “Con migliaia di persone che si ammalano di influenza ogni anno e molte di esse in modo grave, avere alternative di trattamento sicure ed efficaci è fondamentale. Questo nuovo farmaco fornisce un'opzione terapeutica aggiuntiva importante”, ha dichiarato il commissario della FDA Scott Gottlieb nel comunicato stampa ufficiale dell'agenzia.

Lo Xofluza non è comunque un farmaco per tutti; oltre a necessitare di ricetta medica, può essere prescritto solo entro 48 ore dalla comparsa dei sintomi influenzali, in assenza di complicazioni e nei soggetti con età superiore ai dodici anni. Preso in tempo, lo Xofluza è così efficace che ne è sufficiente una singola dose per abbattere i sintomi della malattia. In uno studio clinico multicentrico di fase 3 che ha coinvolto circa 1.500 pazienti ha dimostrato un'efficacia simile al farmaco oseltamivir, che tuttavia di solito va assunto un paio di volte al giorno per cinque giorni. Tra gli eventi avversi rilevati si sono registrati diarrea, bronchite, nausea e sinusite, ma tutti in percentuali inferiori rispetto al placebo.

L'efficacia dello Xofluza risiede nel fatto che esso agisce a monte, bloccando la replicazione dei virus responsabili dell'influenza inibendone l'endonucleasi virale, un enzima legato all'RNA messaggero. Dagli studi è emerso che il farmaco riesce a colpire un'ampia varietà di virus dell'influenza A e B, inoltre sembra essere efficace anche contro quelli che hanno manifestato resistenza all'oseltamivir.

Nonostante si tratti di un medicinale estremamente utile, che molto probabilmente seguirà un ciclo di approvazione anche in Europa, per il commissario dell'FDA esso non può affatto sostituire la vaccinazione annuale, il metodo più efficace e sicuro per proteggersi dall'influenza e soprattutto dalle sue gravi complicanze. Proprio in questi giorni è stata avviata la nuova campagna di vaccinazione nel nostro Paese. L'influenza è un'infezione seria che nel mondo uccide 650mila persone ogni anno e dunque non va assolutamente sottovalutata; per questo la vaccinazione in Italia è gratuita per tutte quelle persone incluse nelle fasce a rischio.