21 Dicembre 2011
14:19

Il paracetamolo andrà in pensione? Gli scienziati cercano nuovi farmaci per sostituirlo

Dosi eccessive del principio attivo, uno tra i più utilizzati in caso di dolori e sintomi influenzali, possono avere effetti tossici sull’organismo. Per questa ragione gli scienziati sarebbero al lavoro per cercare un farmaco con cui sostituire il paracetamolo.
A cura di Nadia Vitali

Efferalgan, Tachipirina, Tachiflu: farmaci a cui si fa ricorso, assai spesso senza consultare prima il medico, quando si scatena un mal di testa o nel momento in cui i sintomi influenzali non danno tregua. Il principio attivo di questi medicinali, il paracetamolo, è in commercio da più di sessant'anni ma la sua fortuna sembra essere destinata ad un inesorabile declino.

Sì, perché il paracetamolo, preferito da una larga maggioranza di medici e pazienti, potrebbe essere mandato in pensione in un futuro non troppo lontano a causa dei danni, ufficialmente riconosciuti, che provoca nell'organismo, ormai valutati sproporzionati rispetto ai benefici. Un recente studio aveva già dimostrato come l'assunzione prolungata di dosi di paracetamolo anche di poco superiori a quelle consigliate dal medico poteva scatenare gravissimi effetti tossici.

Adesso alcuni ricercatori di Regno Unito, Francia e Svezia hanno annunciato, in un articolo pubblicato dalla rivista Nature, come gli scienziati sarebbero all'opera per cercare un'alternativa al vituperato principio attivo, con l'obiettivo di trovare una molecola che possa sostituirlo negli effetti terapeutici ma che non abbia controindicazioni tossiche su fegato e reni.

Gli studi attuali sarebbero tutti indirizzati verso la proteina TRPA1 presente sulla membrana plasmatica delle cellule; proprio su questo recettore agirebbe il paracetamolo, secondo quanto è stato dimostrato dai recenti esperimenti di laboratorio. Partendo da questa osservazione, gli studiosi sperano di giungere, in tempi rapidi, alla realizzazione di un farmaco che sia meno nocivo per l'organismo, pur conservando i benefici effetti analgesici ed antipiretici.

Influenza, in arrivo l'australiana
Influenza, in arrivo l'australiana
Alzheimer, da un farmaco antitumorale la speranza di curarne i sintomi
Alzheimer, da un farmaco antitumorale la speranza di curarne i sintomi
Il Nobel 2021 per la Chimica a List e MacMillan per l’organocatalisi asimmetrica
Il Nobel 2021 per la Chimica a List e MacMillan per l’organocatalisi asimmetrica
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni