VACCINO

Dallo scorso 21 febbraio, grazie a un apposito decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, si è reso disponibile in Italia il Gardasil 9, un nuovo vaccino contro il papilloma virus che è efficace contro ben nove distinte varianti dell'Hpv. I diversi studi scientifici condotti negli anni passati, che hanno coinvolto oltre 15 mila persone in 30 distinti paesi, ne hanno dimostrato l'alto grado di efficacia contro i ceppi a maggior rischio oncogeno, responsabili della quasi totalità dei tumori genitali, come quelli al collo dell'utero, alla vagina e all'ano. In termini prettamente numerici, il vaccino permetterà di prevenire fino al 90 percento dei tumori da papilloma virus, oltre ai condilomi genitali e alle cosiddette lesioni precancerose, il cui rischio viene abbattuto fino all'85 percento.

“Siamo orgogliosi di mettere a disposizione questa nuova straordinaria innovazione, che ha il potenziale di prevenire il 90% dei tumori del collo dell'utero e altri tipi di malattie e cancri HPV correlati, come il cancro anale, della vulva e della vagina, per i quali non esiste purtroppo uno screening sistematico”, ha sottolineato la dottoressa Nicoletta Luppi, presidente e amministratore Delegato di MSD Italia, la società farmaceutica che distribuirà il Gardasil 9 sul territorio nazionale.

Il vaccino anti-Hpv 9-valente rappresenta una sensibile evoluzione dei precedenti farmaci bivalente e quadrivalente – già efficaci contro il 70 percento dei tumori – e la sua somministrazione è possibile a partire dai nove anni di età, sia nelle femmine che nei maschi; l'immunizzazione da papilloma virus risulta infatti importante in entrambi i sessi. Del resto, il numero di soggetti interessati è elevatissimo: basti pensare che in Europa, ogni anno, si registrano circa 350 mila lesioni a livello anale e genitale, mentre i tumori sono 40mila. Nel nostro paese il papilloma virus è responsabile di 6.500 nuovi casi di tumori, 12mila lesioni precancerose e 80mila condilomi. Tra essi vi sono anche i carcinomi, che colpiscono le donne il doppio delle volte rispetto agli uomini (4mila contro 2mila). Il nuovo vaccino contro l'Hpv rappresenta una delle punte di diamante nel nuovo Piano vaccinale 2017-2019 previsto dal Ministero della salute.

[Foto di dfuhlert]