322 CONDIVISIONI
13 Luglio 2016
17:06

Il ghiaccio dei bar? Ricerca italiana svela: “Potenzialmente pericoloso”

I ricercatori dell’Università di Palermo hanno analizzato alcuni campioni di ghiaccio industriale, dei bar e di casa e hanno rilevato la presenza di alcuni batteri potenzialmente pericolosi. Ecco quali.
A cura di Zeina Ayache
322 CONDIVISIONI

A chi verrebbe in mente che il ghiaccio potrebbe essere contaminato dai batteri? Per quanto possa sembrarci improbabile, in realtà i ricercatori dell'Università di Palermo hanno scoperto che nel ghiaccio che utilizziamo tutti i giorni vivono batteri contaminanti che non dovrebbero essere presenti. Il discorso vale sia per il ghiaccio del freezer di casa, che per quello realizzato dai Bar e Pub o quello industriale. A darne notizia sono gli stessi ricercatori siciliani guidati dal professore Luca Settanni del Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali.

I ricercatori fanno sapere di aver raccolto cinque campioni da tre diverse tipologie di distributori di ghiaccio: l'industria (IN), i Bar e Pub (BP) e il freezer di casa (HM). Analizzandoli in laboratorio hanno scoperto la presenza di diverse tipologie di batteri che, secondo le disposizioni di Legge, non dovrebbero essere presenti nell'acqua e quindi neanche nel giaccio. Nel dettaglio, i test effettuati hanno evidenziato:

  • per Bar/Pub (BP), concentrazioni consistenti di Enterococchi in tre campioni su cinque e Coliformi in tutti i casi
  • per industria (IN), presenza di Enterococchi in due campioni su cinque e Pseudomonas in un caso
  • per freezer di casa (HM), presenza di Pseudomonas in tutti i campioni e di Coliformi in un caso

Ma come è possibile? Secondo i ricercatori bisogna capire come mai i batteri siano presenti in queste tipologie di ghiaccio, visto che per legge non dovrebbero essere presenti in acqua, senza contare che per tutti e 15 i campioni sono stati individuati anche contaminanti tipici delle tubature, per non parlare della presenza di muffe in quelli casalinghi. Gli scienziati fanno sapere inoltre che "Questi risultati sono preliminari e rappresentano solo la prima parte della ricerca. Stiamo infatti procedendo anche all’analisi microbiologica dopo contatto con le bevande (zuccherine, o addizionate di CO2, o alcoliche, distinguendo tra diversi tipi di alcolici)".

Chi sono questi batteri?

  • Enterococchi: microorganismi resistenti ad alcune tipologie di antibiotici e per questo potenzialmente pericolosi in caso di infezioni del tratto urinario. Sono coinvolti anche nelle diverticoliti e nelle meningiti
  • Coliformi: gruppo di batteri che comprende il Klebsiella (una cui variante italiana è risultata resistente all'antibiotico più potente del mondo) e l'Escherichia Coli, sono presenti nelle feci umane e sono i responsabili delle contaminazioni fecali idriche
  • Pseudomonas: batteri capaci di inibire l'azione dell'antibiotico, sono spesso causa di infezioni negli ospedali con scarso rispetto per le norme igieniche

Dobbiamo preoccuparci?

Se è vero che analizzando il potenziale di questi batteri potremmo essere legittimati a preoccuparci, dobbiamo però considerare che si tratta di microorganismi dannosi in caso di alte concentrazioni, diversamente il nostro sistema immunitario è in grado di sconfiggerli. Restano comunque più a rischio le persone fragili, i bambini, gli anziani e le persone con un ridotta capacità di difesa immunitaria.

[Foto copertina di Peggy_Marco]

322 CONDIVISIONI
Ricerca italiana: l'invecchiamento passa anche dall'olfatto
Ricerca italiana: l'invecchiamento passa anche dall'olfatto
Italiani dormiglioni, la mappa del sonno svela le nostre abitudini
Italiani dormiglioni, la mappa del sonno svela le nostre abitudini
Ricerca italiana, due studi segnano un passo storico contro la SLA
Ricerca italiana, due studi segnano un passo storico contro la SLA
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni