196 CONDIVISIONI
4 Luglio 2019
18:33

I resti umani più antichi del Nord Italia emersi da una grotta piemontese: hanno 300mila anni

Ricercatori, docenti e studenti dell’Università di Ferrara hanno scoperto i reperti umani più antichi mai trovati in Nord Italia, un osso occipitale e un dente (un incisivo) con un’età stimata di 300mila anni. Potrebbero appartenere a una specie arcaica dell’Uomo di Neanderthal o al suo diretto antenato. Sono stati trovati nella Grotta di Ciota Ciara, in Valsesia.
A cura di Andrea Centini
196 CONDIVISIONI
Credit: Università di Ferrara
Credit: Università di Ferrara

Nel cuore della Grotta della Ciota Ciara (Grotta Chiara) di Borgosesia, sita sul versante occidentale del Monte Fenera in provincia di Vercelli, sono stati trovati i resti umani più antichi del Nord Italia. Si tratta di un integro osso occipitale, cioè la porzione posteriore del cranio, e di un incisivo inferiore appartenente a un giovane adulto. Hanno un'età stimata di circa 300mila anni. Appartengono senza dubbio al genere Homo, molto probabilmente a una forma arcaica dell'uomo di Neanderthal (Homo neanderthalensis) o al suo precedente e diretto antenato, l'Homo heidelbergensis. Solo ricerche multidisciplinari più approfondite potranno svelare l'affascinante mistero.

La scoperta. A scoprire i preziosi reperti ossei è stato un team di ricerca composto da ricercatori di antropologia, docenti e studenti del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Ferrara, che da undici anni scava nella grotta della Valsesia a caccia di indizi sui nostri antenati. La Ciota Ciara è anche uno straordinario sito paleontologico, nel quale nel corso degli anni sono stati trovati i resti di numerosi animali vissuti nel Pleistocene, come il colossale uro, un bovino estinto, e l'orso delle caverne (Ursus spelaeus), anch'esso scomparso. Gli studiosi coordinati dalla professoressa Marta Arzarello, docente presso la Sezione di Scienze preistoriche e antropologiche dell'ateneo emiliano, ritengono i reperti umani rinvenuti nella grotta estremamente importanti, poiché possono aiutarci a migliorare la nostra comprensione della storia evolutiva del genere Homo in Europa.

Osso speciale. Tra i due reperti quello scientificamente più significativo è l'osso occipitale, poiché presenta caratteristiche anatomiche chiamate “chignon” (un rigonfiamento) e fossa soprainiaca che sono distintive della linea genetica dei neanderthal. Questi dettagli sono più pronunciati nell'uomo di Neanderthal vero e proprio, ma lo sono meno nell'antenato Homo heidelbergensis. Studiando in laboratorio le caratteristiche dell'osso occipitale, vicine a quelle della specie più antica, gli scienziati potranno determinare con precisione a chi appartengono i reperti ritrovati. Le due preziosissime ossa saranno presentate a settembre in seno a una conferenza stampa che si svolgerà presso il museo di Archeologia e Paleontologia “Carlo Conti” di Borgosesia.

196 CONDIVISIONI
I resti del più antico Homo sapiens d'Europa scoperti in Grecia: hanno 210mila anni
I resti del più antico Homo sapiens d'Europa scoperti in Grecia: hanno 210mila anni
La scoperta che riscrive la storia: ecco il più antico Homo sapiens d'Europa
La scoperta che riscrive la storia: ecco il più antico Homo sapiens d'Europa
170 di Videonews
Indizi di un'antichissima “Atlantide” britannica emersi dal Mare del Nord
Indizi di un'antichissima “Atlantide” britannica emersi dal Mare del Nord
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni