Secondo un rapporto FAO, chi ha contratto il virus HIV dovrebbe mangiare più del normale. Il virus, prima di manifestare la vera e propria sindrome da immunodeficienza, può rimanere latente per anni dentro il corpo umano. Durante questo periodo, secondo i ricercatori, il fabbisogno del "sieropositivo" aumenta notevolmente e si dovrebbero compiere degli sforzi per seguire una dieta il più possibile completa e bilanciata.

Perché aumentare il fabbisogno di cibo di un malato

AIDS riduce la fame

  • la malattia e le medicine assunte possono ridurre l'appetito
  • sintomi come dolore alla bocca, nausea e vomito rendono difficile mangiare
  • stanchezza, isolamento e depressione riducono l'appetito e la volontà di fare uno sforzo per preparare i pasti e mangiare regolarmente
  • mancanza di denaro per fare la spesa

HIV / AIDS riduce l'assorbimento dei nutrienti

Il cibo, una volta mangiato, viene scomposto in sostanze nutritive. Questi nutrienti passano attraverso le pareti dell'intestino nel flusso sanguigno e vengono trasportati agli organi e ai tessuti del corpo dove sono necessari. Una delle conseguenze dell'HIV e di altre infezioni è che dal momento che la parete dell'intestino è danneggiata, il bolo non passa correttamente o transita troppo velocemente, procurando diarrea e mal assorbimento dei nutrienti.

L'HIV / AIDS colpisce il peso

Quando una persona non mangia abbastanza, o i nutrienti sono scarsamente assorbiti, il corpo attinge riserve di energia dal grasso corporeo e dalle proteine ​​muscolari, dimagrendo.

Come ingrassare

Per aumentare il peso corporeo si deve mangiare più spesso, con porzioni più grandi e determinati alimenti. Ecco alcuni utili consigli.

  • Mangiare più alimenti di base come riso, mais, miglio, sorgo, frumento, pane, patate, patate dolci e banane
  • Aumentare l'assunzione di fagioli, prodotti a base di soia, lenticchie, piselli, arachidi, burro di arachidi e semi, come il girasole e il sesamo
  • Includere tutte le forme di carne, pollame, pesce e uova il più spesso possibile. Carne macinata, pollo e pesce sono più facili da digerire. Le frattaglie (come i reni e il fegato) possono essere la fonte meno costosa
  • Mangiare fra i pasti degli spuntini come noci, semi, frutta, yogurt, carote, patatine di manioca, patatine al granchio e panini al burro di arachidi.
  • Aumentare lentamente il contenuto di grassi negli alimenti
  • Se si riscontrano problemi con un'assunzione elevata di grassi (specialmente la diarrea), ridurne l'assunzione fino a quando i sintomi sono finiti e poi aumentarla gradualmente fino a raggiungere un livello che il corpo può tollerare.
  • Introdurre più prodotti caseari come latte intero, latte acido, yogurt e formaggio nella dieta.
  • Aggiungi il latte in polvere secco agli alimenti come, cereali, salse e purè di patate.
  • Prepara i pasti nel modo più attraente possibile.

Altri fattori da prendere in considerazione, oltre la perdita di peso sono le avitaminosi, cioè carenza di vitamine. Per aumentare il più possibile l'assunzione di vitamine si consiglia di usare cereali integrali, poiché nella loro buccia è contenuta una grande quantità di vitamina b e utilizzare metodi di cottura il più delicati possibile come il vapore. Ovviamente si consigli di contattare il medico per capire se è necessario prendere in considerazione l'assunzione di integratori multivitaminici per integrare la dieta.