Le persone che superano l’infezione da coronavirus Sars-Cov-2 sviluppano una robusta risposta immunitaria, con livelli di anticorpi IgG che possono persistere per almeno 4 mesi. Lo indica un nuovo studio pubblicato dai ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) di Boston sulla rivista Science Immunology, in cui sono state analizzate le risposte anticorpali di 343 pazienti ricoverati con Covid-19 fino a 122 giorni dall’insorgenza dei sintomi. Risultati che rafforzano quanto osservato in indagini precedenti e che riportano di una protezione più duratura. Questo nuovo studio in particolare dimostra che la determinazione dei livelli anticorpali può essere uno strumento accurato per monitorare la diffusione del virus nella comunità.

Gli anticorpi protettivi durano almeno 4 mesi

La misurazione di un anticorpo chiamato immunoglobulina G (IgG) – spiegano i ricercatori – è stata molto accurata nell’identificare i pazienti infetti che presentavano sintomi da almeno 14 giorni. Tali livelli sono rimasti elevati in questi pazienti per quattro mesi, associati alla presenza di anticorpi neutralizzanti protettivi che nel tempo hanno invece dimostrato una piccola diminuzione dell’attività ”.

Oltre alle IgG, i pazienti Covid-19 hanno infatti mostrato livelli di immunoglobuline A (IgA) e immunoglobuline M (IgM) diminuiti entro due mesi e mezzo dallinfezione. “Se un paziente mostra una risposta IgA e IgM, probabilmente ha contratto l’infezione negli ultimi due mesi – dice Richelle Charles, ricercatrice nella Divisione di malattie infettive presso MGH e autore senior dello studio – . Al contrario la misurazione delle IgG ha indicato che il livello di questi anticorpi è rimasto stabile per almeno quattro mesi, suggerendo che le persone sono molto probabilmente protette per quel periodo di tempo”.

Dati che, in considerazione del monitoraggio dell’infezione, forniscono una valida indicazione per identificare alcuni casi positivi che potrebbero sfuggire al tampone. “Poiché il test PCR standard (tampone nasale) per Sars-Cov-2 può perdere sensibilità nel tempo – aggiunge Charles – integrarlo con un test per gli anticorpi in pazienti che hanno avuto sintomi per almeno 8 giorni (momento in cui almeno il 50% delle persone sta producendo anticorpi) aiuta a escludere falsi negativi”.

La conoscenza della più breve durata della risposta immunitaria legata alla produzione di IgA e IgM “permette di ottenere dati più accurati sulla diffusione di Sars-Cov-2 – spiega Jason Harris, specialista in malattie infettive pediatriche del MGH e co-autore senior dello studio – . Ci sono molte infezioni nella comunità che non rileviamo attraverso i test PCR durante la fase acuta della malattia, e questo è particolarmente vero nelle aree in cui l’accesso ai test è limitato. Sapere quanto durano le risposte anticorpali è essenziale prima di poter utilizzare il test degli anticorpi e identificare gli hot spot della malattia.