860 CONDIVISIONI

Giove, la sonda della NASA Juno ci regala nuovi scatti mozzafiato delle tempeste

Nell’ultimo sorvolo ravvicinato la JunoCam installata sulla sonda Juno ha catturato immagini inedite di Giove da un’altezza di 3.400 chilometri. Tempeste e turbolenze del gigante gassoso non sono mai state così belle.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Andrea Centini
860 CONDIVISIONI
NASA / SwRI / MSSS / Shawn Handran
NASA / SwRI / MSSS / Shawn Handran

Grazie al suo settimo sorvolo ravvicinato sull'atmosfera di Giove, avvenuto lo scorso primo settembre, la sonda Juno della NASA ha ottenuto nuovi e meravigliosi scatti del gigante gassoso del Sistema solare. Le immagini RAW, ovvero quelle ancora da processare, sono state immediatamente pubblicate sul sito ufficiale della missione, e come da prassi sono finite in mano a specialisti o semplici appassionati di astronomia per l'elaborazione. Il risultato, che potete apprezzare scorrendo questo articolo, è a dir poco meraviglioso.

NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill
NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill

Nel mese di marzo furono divulgati scatti analoghi raccolti da un'altezza di 4.400 chilometri, tuttavia nell'ultimo flyby, ovvero i sorvoli ravvicinati che la sonda compie sull'atmosfera di Giove ogni 53 giorni, Juno si è abbassata sino a 3.400 chilometri, regalandoci così dettagli ancor più incredibili delle turbolente nubi gioviane. Nelle nuove immagini tempeste e vortici giganteschi – la più grande, la Grande Macchia Rossa, potrebbe “inghiottire” la Terra – risultano ancor più definite, pur mantenendo il fascino da dipinto a olio delle precedenti.

NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill
NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill

I passaggi ravvicinati sono necessari per raccogliere tutti i dati scientifici di cui hanno bisogno i ricercatori per studiare il pianeta: tra gli obiettivi principali, oltre all'analisi dell'atmosfera, vi è anche quello di comprendere l'origine e la struttura del campo magnetico e del criptico nucleo di Giove. Naturalmente i flyby sono anche i momenti migliori per ottenere gli scatti mozzafiato che state osservando, e la JunoCam (JCM) installata sulla sonda della NASA è sempre pronta a immortalarli.

NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill
NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill

Sebbene non si tratti di uno degli strumenti fondamentali installati – basti pensare che il sensore ha meno di 2 megapixel –, le sue immagini hanno fatto avvicinare il grande pubblico alla missione. Juno, partita da Cape Canaveral nel 2011 e giunta nell'orbita gioviana nel 2016, terminerà la propria avventura nel febbraio 2018, ma è possibile che la NASA riesca a estendere in qualche modo la sua operatività. I flyby, del resto, sono veri e propri “bagni” di radiazioni e a ogni passaggio rischia di comprometterne le funzioni.

NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill
NASA / JPL-Caltech / MSSS / SwRi / Kevin M. Gill
860 CONDIVISIONI
Alla scoperta della Grande Macchia Rossa di Giove: l'annuncio della NASA
Alla scoperta della Grande Macchia Rossa di Giove: l'annuncio della NASA
Giove non è come ci aspettavamo: la NASA sorpresa dalle nuove scoperte della sonda Juno
Giove non è come ci aspettavamo: la NASA sorpresa dalle nuove scoperte della sonda Juno
Tempesta di nuvole blu su Giove: lo scatto straordinario del gigante gassoso
Tempesta di nuvole blu su Giove: lo scatto straordinario del gigante gassoso
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni