Tutti pronti per l'evento astronomico dell'autunno: una super Luna combinata ad un'eclissi, in pratica qualcosa che non accadeva da oltre trent'anni. Finalmente giunge la serata del 27 settembre (in realtà, quando sarà passata già la mezzanotte per cui di fatto sarà 28) per ammirare anche dall'Europa l'eclissi lunare totale che occulterà il nostro satellite per oltre un'ora, dopo che questo si sarà mostrato più grande del solito; naturalmente, meteo permettendo.

(NASA/BILL INGALLS)
in foto: (NASA/BILL INGALLS)

Non abbiamo a che fare con un evento misterioso. A causa della sua orbita non perfettamente circolare, infatti, la Luna può trovarsi più o meno vicina alla Terra: nel primo caso si parla di perigeo, nel secondo di apogeo. Ora, il 27 settembre abbiamo un perigeo con tanto di plenilunio che ci offrirà l'occasione di ammirare la più vicina Luna piena dell'anno: in ragione di questa prossimità il satellite ci apparirà più ampio del 14% e più luminoso nei cieli del 30%, rispetto a come si mostrerebbe qualora si trovasse all'apogeo.

Di eclissi se ne registrano mediamente un paio all'anno. Il XXI secolo assisterà a un totale di 228 eclissi, tutte ormai perfettamente prevedibili con largo anticipo dagli scienziati: basta sapere dove si troveranno la Terra, il Sole e la Luna per calcolare il momento in cui la stella o il satellite finiranno nel cono d'ombra.

E la coincidenza di una super Luna con un'eclissi lunare ogni quanto si verifica? Ecco, per questo tocca aspettare un po' di più: l'ultima combinazione del genere c'è stata soltanto nel 1982 e per la prossima dovremo aspettare il 2033: insomma, qualcosa che «un'intera generazione non ha mai visto» spiega Noah Petro, scienziato del Lunar Reconnaissance Orbiter presso il NASA Goddard Space Flight Center della NASA di Greenbelt.

Un evento non ricorrente, quindi, e che per questo meriterà tutta la nostra attenzione, purché abbiamo la pazienza di aspettare in piedi fino alle due di notte, quando comincerà l'ingresso in penombra che porterà, alle 4.11, all'inizio della totalità il cui massimo è previsto alle 4:47; alle 5:23 la Luna uscirà dalla totalità.

Nonostante la sua straordinarietà non c'è alcuna preoccupazione per scienziati. Lo sottolinea la NASA in un comunicato diffuso forse anche per rassicurare quanti si sono fatti condizionare dalle insistenti voci relative ai cattivi presagi che l'eclissi con la super Luna porterebbe con sé.

La sola cosa che capiterà sulla Terra durante un'eclissi è che le persone si sveglieranno il giorno dopo con i dolori al collo a causa della notte trascorsa a guardare in su. – Noah Petro