È possibile raggiungere zero casi di Covid-19? E qual è il miglior modo per contenere la pandemia? Secondo Kingston Mills, professore di Immunologia Sperimentale presso il Trinity College di Dublino, l’azzeramento potrebbe essere possibile in alcuni Paesi insulari ma richiederebbe probabilmente prolungate restrizioni di viaggio e test rigorosi. “La Nuova Zelanda ci è quasi riuscita ma, dopo 100 giorni senza un caso, sono emerse nuove infezioni da viaggi internazionali e altre fonti sconosciute – ha ricordato Mills in un’intervista pubblicata su The Conversation – . Sebbene con le attuali misure di controllo sia possibile appiattire la curva, arrivare a zero casi di Covid-19 attraverso di queste è più difficile”.

Qual è la migliore strategia per azzerare il contagio?

Il modo più efficace, spiega l’immunologo, sfrutta il meccanismo di difesa naturale dell’organismo umano: il sistema immunitario. “Il recupero da un’infezione virale è solitamente associato allo sviluppo dell'immunità e, anche se non è ancora noto se l'infezione da Sars-CoV-2 protegga dalla reinfezione, ci sono pochissimi esempi di persone che vengono reinfettate”. Diversi studi hanno indicato che in risposta all’infezione, la maggior parte delle persone sviluppa anticorpi contro il virus. “Sebbene coloro che non sviluppano sintomi possano generare anticorpi, l’infezione può comunque attivare le cellule T del sistema immunitario, che forniscono una difesa alternativa. Quindi sembra che l’infezione generi immunità, almeno a breve termine”.

Considerazioni che in questi mesi hanno portato all’ipotesi di un’immunità di gregge, che potrebbe essere ottenuta se il 60-70% della popolazione entrerà in contatto con il virus. Percentuali che sono però molto lontane dal numero di persone che ha già contratto l’infezione. “Gli studi di sieroprevalenza hanno suggerito che circa il 3% delle persone di Dublino ha contratto l’infezione. Nella città di New York questa percentuale è molto più alta (23%) ma il più alto tasso di infezione a New York ha provocato la morte di molte più persone. E la Svezia, che ha adottato una politica liberare per contenere la pandemia, ha registrato un elevato numero di casi e dieci volte più morti per milione di abitanti rispetto alle vicine Finlandia e Norvegia” ha aggiunto Mills, indicando che il tentativo di raggiungere un’immunità di gregge attraverso l’infezione naturale espone un più alto rischio di mortalità le persone fragili, come le persone anziane, quelle con obesità e altre condizioni pregresse. “I rischi associati al perseguimento dell’immunità di gregge rendono questa strategia inaccettabile per sopprimere il virus, per non parlare di eliminarlo”.

Il potenziale del vaccino

D'altra parte, raggiungere l’immunità di gregge attraverso la vaccinazione potrebbe avere il potenziale di arrivare a zero casi di Covid-19. “I vaccini hanno ridotto l'incidenza di difterite, tetano, morbillo, parotite, rosolia e haemophilus influenzae di tipo B quasi a zero in molti paesi sviluppati”.

I candidati vaccini contro il coronavirus puntano però a un obiettivo molto più basso. “Qualsiasi vaccino dovrebbe essere altamente efficace sia nel prevenire la malattia che nell'arresto della diffusione del virus a persone che non l'hanno avuta – prosegue Mills – . I vaccini attualmente più avanzati nello sviluppo, tuttavia, hanno puntato a un obiettivo molto più basso: essere efficaci almeno al 50%, che è la soglia necessaria per essere approvati dalla Food and Drug Administration statunitense. Creare un vaccino altamente efficace al primo tentativo potrebbe essere troppo ottimistico”.

Il vaccino dovrà inoltre dimostrarsi efficace in tutte le fasce d'età, sicuro da somministrare a tutta la popolazione, ed essere prodotto in quantità sufficienti per vaccinare oltre 7 miliardi di persone. “Anche l'impatto non sarà istantaneo. L’ultimo caso di vaiolo risale al 1977, dieci anni dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato un programma globale di eradicazione per quella malattia e quasi 200 anni dopo lo sviluppo del primo vaccino contro il vaiolo. E sono passati più di 30 anni dal lancio della Global Polio Eradication Initiative per eliminare la poliomielite ovunque, tranne che in Pakistan e Afghanistan” .

Pertanto, ha concluso l’esperto, sebbene il vaccino offra le migliori possibilità di raggiungere lo zero casi di Covid-19, serve essere realistici su ciò che è fattibile. “L’eradiacazione del virus in gran parte del mondo, sebbene non impensabile, potrebbe richiedere un numero significativo di anni”.