4.408 CONDIVISIONI
22 Gennaio 2015
11:27

Due misteriosi Pianeti in più nel Sistema Solare?

È l’ipotesi (tutta da verificare) di tre ricercatori che, in base ad alcune simulazioni, ritengono che potrebbero esserci oggetti celesti tutti da scoprire oltre l’orbita di Nettuno.
A cura di Nadia Vitali
4.408 CONDIVISIONI

Ci sarebbero due Pianeti nel nostro Sistema Solare dei quali ignoravamo l'esistenza a causa della loro difficile osservabilità: i due oggetti sarebbero infatti collocati oltre l'orbita di Nettuno. È quanto sostengono tre astronomi, Carlos e Raul de la Fuente Marcos, dell'Università Complutense di Madrid, e Sverre Aarseth, della britannica università di Cambridge. In un lavoro, i cui dettagli sono stati resi noti attraverso un articolo pubblicato da Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, i tre ricercatori avanzano un'ipotesi per spiegare alcune bizzarrie del comportamento orbitale di alcuni oggetti posti nella fascia oltre Nettuno: con un'ipotesi molto affascinante, benché tutta da verificare.

Osservazioni indirette

In base ai modelli messi a punto, i ricercatori ritengono che i corpi in questione sarebbero addirittura due: due ETNO, ossia  Extreme Trans-Neptunian Objects la cui presenza influirebbe sull'orbita di altri oggetti trans-nettuniani già noti agli astronomi. Ad oggi conosciamo appena una dozzina di oggetti che popolano questa oscura regione del Sistema Solare: tra questi ci sono i Pianeti nani Plutone, con i suoi cinque Satelliti, Makemake o Eris. Ebbene, secondo gli studiosi, per spiegare i parametri orbitali di alcuni di questi è necessario ipotizzare che esistano almeno due oggetti massicci dalle dimensioni comparabili a quelle di un Pianeta la cui attrazione gravitazionale porterebbe a delle perturbazioni su quelle dei corpi più piccoli.

No, non è stato scoperto nessun nuovo Pianeta

Certo, si tratta di un'affermazione da prendere con estrema cautela: i modelli preesistenti del nostro Sistema Solare, infatti, stabiliscono che non possano esistere oggetti in orbite circolari oltre la fascia di Nettuno. Gli autori dello studio lo sanno bene e per questo, essi per primi, invitano alla cautela, sottolineando che si tratta soltanto di una possibile spiegazione delle anomalie orbitali di oggetti che già conosciamo e della scoperta di nuovi Pianeti. Questa spiegazione si basa sul meccanismo di Kozai: un fenomeno, spiegano dal sito dell'INAF, per cui un oggetto di grande massa può perturbare l'orbita di un altro più piccolo e lontano, come avviene con le influenze di Giove sull'orbita della cometa  66P/Machholz1.

4.408 CONDIVISIONI
Come nasce un sistema solare
Come nasce un sistema solare
2.123 di DelfinaLiberata
Come nasce un sistema solare [VIDEO]
Come nasce un sistema solare [VIDEO]
La Stella che passò nel Sistema Solare
La Stella che passò nel Sistema Solare
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni