619 CONDIVISIONI
27 Gennaio 2017
17:53

Due bambini guariscono dalla leucemia grazie a tecnica sperimentale: erano malati gravi

I due piccoli di 11 e 16 mesi sono stati trattati con linfociti T prelevati da donatori sani e ingegnerizzati. La guarigione dei bambini può rappresentare una svolta nella lotta contro il cancro.
A cura di Andrea Centini
619 CONDIVISIONI

Grazie a una tecnica sperimentale, un team di ricerca del Great Ormond Street Hospital di Londra ha salvato la vita a due bambini malati di leucemia, che a due anni dall'innovativo trattamento hanno sconfitto il cancro e ora risultano in piena guarigione. La notizia, benché riguardi un campione estremamente limitato di pazienti e sia necessario attendere ancora un paio d'anni per le conferme definitive, è stata accolta con entusiasmo dalla comunità scientifica, e la speranza è che da successi come questi possa emergere una cura definitiva contro tutte le forme di cancro al sangue e non solo.

Poiché la chemioterapia non stava dando i suoi frutti e la vita dei piccoli cominciava ad essere seriamente in pericolo, tanto che ai genitori era stato comunicato di attendersi il peggio, i medici hanno proposto di intervenire con la procedura sperimentale, rivelatasi successivamente una mossa vincente. I ricercatori hanno estratto linfociti T (o cellule T) da donatori sani e li hanno geneticamente modificati affinché fossero pienamente compatibili col bersaglio nell'organismo dei bambini. Questa terapia, chiamata CAR-T (Chimeric antigen receptor T cell), risulta essere una delle più promettenti nella lotta alle leucemie e ai mielomi, in particolar modo nei bambini, ma non è esente da gravi effetti collaterali come infezioni, danni agli organi e alle vie respiratorie, fortunatamente non emersi nei due giovanissimi pazienti.

Una delle caratteristiche più interessanti della terapia CAR-T consiste nel fatto che essa è “per sempre”, dato che i globuli bianchi rivitalizzati dal trattamento continueranno ad uccidere tutte le cellule responsabili del cancro. La tecnica utilizzata al Great Ormond Street Hospital è stata inoltre basata su cellule T di altro donatore sano, procedura decisamente meno costosa (4 mila dollari contro 50 mila) rispetto a quella che prevede l'estrazione dallo stesso paziente. Grazie ai costi ridotti i ricercatori sperano di poter creare una vera e propria banca di cellule CAR-T, pronte all'uso per curare leucemie ed altre tipologie di cancro. I dettagli sull'innovativo trattamento sono stati pubblicati in uno studio su Science Translation Medicine.

[Foto di Sharon Lees/Great Ormond Street Hospital]

619 CONDIVISIONI
Aids, un italiano su due scopre di essere malato quando ormai è troppo tardi
Aids, un italiano su due scopre di essere malato quando ormai è troppo tardi
Primo uomo al mondo guarito dall'HIV grazie ad una nuova cura sperimentale
Primo uomo al mondo guarito dall'HIV grazie ad una nuova cura sperimentale
Nata la prima bimba con tre genitori: ha il DNA di mamma, papà e donatrice
Nata la prima bimba con tre genitori: ha il DNA di mamma, papà e donatrice
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni