Le mascherine di protezione lavabili e riutilizzabili sono l'alternativa ecologica ed economica alle mascherine chirurgiche. Servono a ridurre la circolazione del virus, sono obbligatorie nei luoghi chiusi e caldamente consigliate – se non proprio obbligatorie – in spazi aperti ma affollati. In vendita se ne trovano moltissime: le più acquistate sono quelle realizzate in cotone e quindi più leggere, e in molti optano per fantasie originali e tessuti colorati e trendy, meglio se sottoposti a trattamenti antibatterici. L'importante è che garantiscano comfort e aderenza al volto, e che non risultino scomode da indossare.

Prima di acquistare una delle mascherine lavabili in vendita, bisogna però accertarsi che queste soddisfino diversi requisiti, come la tipologia di materiali, la taglia, la vestibilità e il numero di volte in cui è possibile lavarle. Molte aziende del Made in Italy hanno proposto modelli di mascherine in tessuto belle oltre che sicure, realizzate con diversi materiali, colori e fantasie.

Stando alle ultime linee guida dell'OMS, è preferibile che la mascherina antivirus sia realizzata con tre materiali diversi; da preferire il poliestere, mentre è meglio evitare materiali porosi come le garze o i tessuti elastici. Le mascherine lavabili possono essere di tre tipi: certificate CE, prodotte "in deroga alle disposizioni", o semplici mascherine di comunità. Le mascherine protettive lavabili si differenziano da quelle chirurgiche certificate CE e dalle ffp1, ffp2 e ffp3: queste, infatti, non sono lavabili nè riutilizzabili, e sono da intendersi come veri e propri dispositivi medici.

La mascherina in tessuto va lavata dopo ogni utilizzo a mano o in lavatrice a 60°; non servono detersivi specifici, si può utilizzare un normalissimo sapone per il bucato. In alternativa la si può igienizzare con una soluzione idroalcolica. La si può fare asciugare al sole, in asciugatrice o direttamente con il vapore del ferro da stiro. Tra i requisiti indispensabili per scegliere un buon modello di mascherina, è necessario controllare se nella scheda tecnica è segnalato il numero massimo di lavaggi a cui la si può sottoporre. Da non dimenticare le istruzioni per usarla e indossarla: a questo proposito è consigliabile toccare solo gli elastici, avendo cura di non toccare la parte interna. Anche per rimuoverla vanno utilizzati gli elastici, evitando di toccare il viso con le mani.

Dopo aver visto quali sono le cose da sapere prima di acquistare una mascherina lavabile, passiamo in rassegna alcuni dei migliori modelli acquistabili su Amazon e su altri 5 siti web in alternativa all'acquisto in farmacia. Chi è alla ricerca di mascherine lavabili certificate CE può scegliere il modello dell'azienda veneta Ninfea, mentre chi è alla ricerca di una mascherina bella oltre che sicura potrà trovare diversi modelli di mascherine lavabili in cotone colorate o a fantasia. Come segnalato anche dall'Istituto Superiore di Sanità, le mascherine in tessuto possono essere realizzate anche in casa, seguendo alcuni accorgimenti (e scegliendo i materiali giusti, come spiega il New York Times).

Dove comprare mascherine lavabili in vendita online

Fatte le dovute precisazioni sui requisiti indispensabili per acquistare una mascherina in tessuto che sia efficace, passiamo in rassegna diversi modelli di mascherine lavabili made in Italy. Le opzioni sono tantissime, quindi orientarsi non è facile: l'importante è ricordare che la mascherina riutilizzabile deve essere innanzitutto sicura ed efficace, sia essa colorata, a fantasia o personalizzabile.

Iniziamo da Ninfea, che abbiamo già menzionato in precedenza perchè finora è l'unica azienda ad aver prodotto mascherine lavabili, pur se di tipo chirurgico, certificate come dispositivo medico dall'Istituto Superiore di Sanità. Realizzata in 100% cotone certificato OEKO-TEX, il tessuto è anallergico e idrorepellente ed ha un coefficiente di efficienza di filtrazione pari al 99%. La mascherina è lavabile per oltre 20 volte o comunque fino a visibile usura del tessuto. Anche le performance di idrorepellenza riescono a resistere fino a 20 lavaggi a 60° con comune detersivo domestico.

Tra le aziende che hanno ridefinito la propria produzione c'è anche Relaxsan, che ha realizzato delle mascherine in doppio strato di tessuto batteriostatico con tasca tra i due strati all'interno della quale inserire un filtro. Prodotto 100% Made in Italy,  è disponibile in set da 3 pezzi, in diversi colori, e può essere sterilizzata in acqua bollente. Insieme a Relaxsan, anche Calzitaly ha rimodulato la produzione e ha realizzato modelli di mascherine con doppio strato di tessuto e trattamento antibatterico: le mascherine sono arricchite da un particolare filato con ioni d'argento per regolare la proliferazione dei batteri. Tra i due strati di tessuto è presente una tasca all'interno della quale è possibile inserire un ulteriore filtro per migliorare l'efficacia filtrante della maschera. Prodotta in conformità delle circolare del Ministero della Salute, questa fascia protettiva è lavabile in lavatrice a 60° anche se il produttore consiglia l'utilizzo di un sacchetto per la biancheria. Ogni confezione contiene 5 mascherine, disponibili in più colori – nero, bianco e due tonalità di azzurro – sia per adulti che per bambini.

Russo Camicie è un'azienda italiana che realizza capi d'abbigliamento maschili, e che ha convertito la propria produzione alla realizzazione di queste mascherine di comunità lavabili e riutilizzabili. Il tessuto utilizzato è il cotone in doppio strato a pieghe così da migliorarne l'aderenza al volto. Tra i due strati è presente una tasca dove inserire un filtro o anche una mascherina chirurgica. Le mascherine sono vendute in un set da 5 pezzi in colori assortiti.

Per chi cerca mascherine lavabili belle oltre che sicure, è possibile rivolgersi a Centopercento Camicie. Le loro mascherine sono composte da un triplo strato di cotone doppio con interposto un doppio strato filtrante di TNT. Con elastici alle orecchie, le mascherine sono lavabili, igienizzabili e, dunque, riutilizzabili. Ogni confezione contiene 5 mascherine e sono disponibili per adulti e per bambini.

Amiche trentine, abbiamo una notizia da darvi! Un carico di mascherine lascerà domani il nostro atelier e raggiungerà Trento nei prossimi giorni. Dalla prossima settimana potrete infatti trovare le nostre magiche mascherine Banzai e Mimi, sia per adulti che per bambini, presso il negozio @petali_nell_armadio_ . . . #melaniafumiko #esercizidibellezza #rincorrerelabellezza #faidellordinariounapoesia #alittlebeautyeveryday #spontaneamentecurato #esercizidilentezza #mybeautifulsimplicity #lessenzialevisibilealcuore #calmfluencer #ateliermilano #viverelabellezza #dettaglichefannoladifferenza #dettaglichecontano #mascherine #mascherinelavabili #mascherinepersonalizzate #mascherineperbambini #mascherinecolorate #mascherineprotettive #mascherina #mascherinalavabile #mascherinemadeinitaly #madeinitaly #madeinitalywithlove #madeinitalywithlove #trento #trentocity #trentodavivere

A post shared by Melania Fumiko (@melania_fumiko) on

Molte altre le aziende del made in Italy che stanno mettendo in vendita le loro mascherine in cotone lavabili: tra queste c'è Malo, storica azienda fiorentina specializzata nella produzione di capi in cashmere. Oltre alla produzione di mascherine bianche in cotone destinate alla Protezione Civile, la casa di moda ha avviato la vendita di mascherine realizzate con fantasie di collezione, disponibili sia in seta che in cotone biologico. L'atelier milanese di abiti da sposa Melania Fumiko ha realizzato delle sofisticate mascherine riutilizzabili con le quali non si passerà certo inosservate, e che soddisfano le esigenze delle più modaiole. Per chi cerca un'opzione ecologica ma low cost, anche OVS ha dedicato una sezione del suo sito alle mascherine lavabili in puro cotone, riutilizzabili fino a 10 volte. Infine, l'azienda di intimo Pompea ha prodotto un kit di mascherine protettive realizzate in filato batteriostatico: nella confezione sono presenti due mascherine, ciascuna delle quali è garantita per un massimo di 40 utilizzi. Segnaliamo anche le mascherine prodotte da MaskItalia, che dona il 10% dell'importo di ogni acquisto a Enti e Ospedali che aderiscono all'iniziativa (tra questi la Protezione Civile, gli ospedali di Cremona e Crema, la Fondazione Banco Alimentare).