L'invenzione risale a circa venti anni fa, ma è soltanto ora che diventa un farmaco. Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Istituto Humanitas di Milano e docente di Humanitas University, due decadi fa sviluppò una cura anti-cancro che si basava su una proteina prodotta dal gene Ptx3. Si tratta di una terapia ideale contro i tumori causati da infiammazione. Alcune neoplasie, infatti, sono causate proprio dall'infiammazione, che è una reazione del nostro organismo che, in condizioni normali, è sufficiente a debellare gli agenti patogeni. Talvolta, però, contribuisce alla crescita delle neoplasie ed è lì che interviene la proteina creata dall'immunologo milanese. Mantovani ha spiegato al giornale specialistico Cell che "esiste un gene capace di spegnere il cancro tenendo sotto controllo l’infiammazione. Si chiama Ptx3 e produce una proteina con capacità anti-infiammatorie. In certi tumori non funziona e allora si instaura l’infiammazione". La proteina è diventata ora un farmaco che, prima di essere distribuito, deve essere testato sull'essere umano. Lo studio, finanziato dall'Airc (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), partirà a breve.