Credit: 3D Bioprinting Solutions
in foto: Credit: 3D Bioprinting Solutions

La prima bistecca spaziale a base di carne di mucca è stata creata con successo sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Si tratta di una pietra miliare nella biofabbricazione di carne per molteplici ragioni. Innanzitutto non sono stati uccisi animali per produrla, ma è stata ottenuta a partire da poche cellule di bovino fatte crescere e maturare in tessuto in un'apposita stampante 3D, che ha dimostrato di funzionare in modo molto efficiente in microgravità. Ciò non solo permetterà di produrre cibo nutriente per gli astronauti impegnati in lunghi viaggi nello spazio, ma anche di rivoluzionare la produzione di carne sulla Terra grazie al minimo impatto ambientale.

Lo storico risultato è stato ottenuto grazie alla collaborazione fra quattro aziende (una israeliana, una russa e due statunitensi) che hanno inviato l'esperimento a bordo del laboratorio orbitante. La stampante 3D – che si basa sulla cosiddetta biofrabbricazione magnetica – è stata messa a punto dalla società 3D Bioprinting Solutions, che ha collaborato a stretto contatto con gli specialisti della coltura cellulare di Meal Source Technologies, Aleph Farms e Finless Foods. In parole semplici, le cellule prelevate dalla mucca sono state incapsulate in strutture tridimensionali chiamate sferoidi, che alimentati con bioinchiostri e fattori di crescita hanno fatto maturare le cellule in tessuto muscolare, ottenendo così un piccolo pezzo di carne. Sulla Terra questo processo di crescita avviene più lentamente e strato dopo strato a causa della gravità, ma in microgravità l'aggregazione avviene da tutti i lati, un po' come creare una “palla di neve”, come spiegato a space.com da Yoav Reisler, un addetto della Aleph Farms.

L'aspetto della prima bistecca spaziale non è certamente dei più appetitosi, ma come indicato si tratta di una vera e propria rivoluzione. Basti pensare che per produrre un chilogrammo di carne di manzo, sulla Terra, sono necessari tra i 10mila e 15mila litri d'acqua. Inoltre gli allevamenti di bovini sono i più inquinanti in assoluto, essendo responsabili del 41 percento delle emissioni di gas serra di tutto il bestiame. Nel complesso, gli allevamenti di animali rappresentano il 14,5 percento delle emissioni globali, più di quelle del traffico, come indicato in un rapporto dalle Nazioni Unite. Poter produrre carne senza uccidere animali, sprecare acqua e con un minimo impatto ambientale – dato che non sono necessari allevamenti – potrebbe rendere sostenibile questo prodotto nutriente anche in futuro, quando il boom demografico e gli effetti catastrofici dei cambiamenti climatici potrebbero letteralmente stravolgere i precari equilibri sui quali si basano le nostre società.