Il 19 e 20 marzo 2012 è stato effettuato il più grande trapianto di faccia nella storia della chirurgia mondiale. Fu un'operazione che restituì la vita a Richard Lee Norris, un ragazzo che nel 1997 si sparò per errore in volto. Rassegnatosi a vivere ai margini e ad attirare suo malgrado l'attenzione delle persone, Richard aveva trovato tranquillità e sicurezza dopo l'operazione del 2012. Ma non era finita lì, dato che questa settimana sono stati resi noti gli esiti di una seconda operazione che ha apportato ulteriori modifiche al volto di Richard, ormai 38enne. L'uomo si sorprende che "Ora non c'è nessuno che presta attenzione. A meno che non mi conoscono personalmente, non sanno è stato effettuato su di me un trapianto di faccia. Questo è l'obiettivo che abbiamo raggiunto". Richard è tornato a svolgere piccole attività quotidiane che dopo l'operazione erano impossibili, quali lavarsi i denti, farsi la barba e parlare. L'uomo rivolge i suoi ringraziamenti anche ai parenti di Joshua Aversano, che hanno accettato di donare il tessuto e gli organi del ragazzo 21enne morto dopo essere stato investito da un furgone.