9 Dicembre 2021
16:28

Con questo test puoi capire se il tuo gatto è psicopatico (e cosa fare per farlo stare meglio)

Un team di ricerca dell’Università di Liverpool ha creato un test per verificare se il proprio gatto è psicopatico e come aiutarlo in caso di conferma.
A cura di Andrea Centini

I proprietari dei gatti domestici (Felis silvestris catus) sanno bene che i nostri amici a quattro zampe non sono affatto tutti uguali, ma ciascuno di essi ha una propria personalità, che si manifesta con un comportamento più o meno mansueto e/o intraprendente, quando non temerario. Tali differenze, tuttavia, non sempre rientrano nel range della "normalità felina". Secondo alcuni studiosi, infatti, determinati comportamenti possono nascondere una vera e propria psicopatia, paragonabile per certi versi a quella umana, dato che è legata anch'essa a una triade di fattori, ovvero “audacia, cattiveria e disinibizione”, sebbene si parli pur sempre di animali. Gli scienziati hanno messo a punto un questionario triarchico chiamato “CAT-Tri” grazie al quale è possibile non solo se il proprio gatto è psicopatico, ma anche prendere delle “contromisure” per compensare comportamenti un po' troppo esuberanti e migliorare il benessere del felino.

A mettere a punto il questionario è stato un team di ricerca britannico guidato da scienziati dell'Università di Liverpool, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi dell'Università John Moores. I ricercatori hanno sviluppato le fondamenta del CAT-Tri chiedendo a 549 persone di indicare i livelli dei tre tratti della personalità sopraindicati, che corrispondono al modello triarchico della psicopatia anche nell'essere umano, legata a mancanza di empatia e di rimorso, meschinità, egocentrismo, comportamento aggressivo e altro ancora. Gli studiosi, coordinati dalle professoresse Rebecca Evans ed Emily Bethell, dalle risposte ottenute hanno identificato 40 fattori comportamentali che hanno sfruttato per mettere a punto un primo modello del questionario CAT-Tri, basato su 58 elementi distinti. Il test preliminare è stato sottoposto a circa 1.500 altri proprietari di gatti, dalle cui risposte è stato perfezionato il test nella sua forma definitiva, denominata CAT-Tri+, che tiene conto anche dell'ostilità verso gli animali domestici e dell'ostilità verso l'uomo.

Il test indaga su una dozzina di comportamenti per ciascun tratto di base (audacia, cattiveria, disinibizione) e come indicato valuta anche il livello di aggressività verso animali ed esseri umani. Per fare alcuni esempi pratico, nel questionario viene chiesto ad esempio se il proprio gatto tende a frequentare posti pericolosi, come il giardino di un vicino con cani o gatti rivali e altezze estreme; se fa salti rischiosi; se va spesso fuori casa; se tormenta le prede prima di ucciderle; se combatte con altri gatti del quartiere; se è socievole; se è curioso; se si distrae facilmente; se butta giù gli oggetti; se è solito saltare sopra oggetti che utilizziamo (come un computer o una stampante); se rovina gli oggetti graffiandoli; e molto altro ancora. A ciascuna di queste affermazioni si può rispondere in modi differenti: non descrive il mio gatto; descrive lievemente il mio gatto; descrive moderatamente il mio gatto; descrive molto bene il mio gatto; descrive estremamente bene il mio gatto; non applicabile.

In base alle risposte date attraverso il CAT-Tri+ si ottiene un punteggio che indica il livello di psicopatia del nostro amico a quattro zampe. A questo link è possibile sia consultare il questionario che una guida su come calcolare i punteggi. I risultati ottenuti sono informazioni preziose che possono aiutare i proprietari a capire e gestire meglio il proprio gatto, oltre che a migliorarne il benessere. “Ad esempio – scrivono la professoressa Evans e i colleghi -, un gatto che ha un punteggio alto nella scala di ‘audacia' può trarre vantaggio dai grandi alberi per gatti e tiragraffi, poiché il CAT-Tri+ suggerisce che un gatto audace ama esplorare e arrampicarsi”. Questo test è inoltre utile per gli animali in via di adozione: un gatto che non va d'accordo con altri animali domestici, naturalmente, trae beneficio da una famiglia che ne è priva. I ricercatori hanno anche determinato che la disinibizione e l'ostilità verso gli altri animali era sintomo di una relazione di qualità superiore con il proprietario, mentre l'intraprendenza e la cattiveria prevedevano un rapporto meno soddisfacente col padrone. I dettagli della ricerca “A domestic cat (Felis silvestris catus) model of triarchic psychopathy factors: Development and initial validation of the CAT-Tri+ questionnaire” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Research in Personality.

Cosa fare se i termosifoni non si scaldano
Cosa fare se i termosifoni non si scaldano
Perché se hai più di 35 anni dovresti fare il test per il diabete
Perché se hai più di 35 anni dovresti fare il test per il diabete
Perché non ha senso fare un test sierologico prima della terza dose di vaccino Covid
Perché non ha senso fare un test sierologico prima della terza dose di vaccino Covid
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni