Covid 19
29 Novembre 2021
16:57

Come è stata scoperta e come si traccia la variante Omicron

La variante del coronavirus sequenziata in Sudafrica è emersa dopo che i test anti Covid davano risultato positivo in mancanza di un elemento della proteina Spike rivelatore del virus.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La prossima fase della pandemia di Covid potrebbe dipendere da Omicron, la nuova variante del coronavirus intercettata in Sudafrica, le cui origini e capacità di diffusione sono ancora un mistero per i ricercatori che la stanno studiando. Con particolare preoccupazione, visto che presenta una serie di nuove mutazioni e altre già viste in precedenti versioni virali.

A capire che stava succedendo qualcosa è stato Tulio de Oliveira, direttore del Centro sudafricano per la risposta alle epidemie e l’innovazione, che martedì scorso ha parlato con Alex Sigal, virologo dell’African Health Reserarch Institute, dopo che i tecnici di laboratorio perplessi stavano registrando test Covid positivi ma senza un elemento della proteina Spike rivelatrice del virus, un potenziale segnale di cambiamento del virus.

Gli scienziati che hanno sequenziato il genoma del virus hanno trovato più di cinquanta modifiche rispetto al ceppo originale. Giovedì scorso, il professor de Oliveira ha dato notizia della scoperta al presidente del Sudafrica di una nuova variante con caratteristiche potenzialmente preoccupanti stava causando nuove infezioni nel Paese. Lo stesso giorno, il ministro della Salute del Sudafrica e gli scienziati hanno annunciato i risultati.

È ancora troppo presto per sapere se Omicron provoca una malattia più grave o se porta a sintomi più lievi. I pazienti attualmente contagiati dalla variante avranno bisogno di giorni o settimane per valutare gli esiti della malattia e servirà tempo ai ricercatori per comprendere il significato delle sue mutazioni. Anche se Omicron non risultasse la minaccia che molti esperti temono, il suo arrivo fa presagire una sfida potenzialmente lunga. “Ci saranno più lettere greche che dovremo imparare” aveva previsto Sigal.

L’Organizzazione Mondiale di Sanità ha affermato che ci sono prove preliminari che Omicron potrebbe avere vantaggi rispetto alle varianti esistenti, indicando un aumento del numero di casi in Sudafrica. Per rilevarla, il fatto che nei test molecolari ampliamente utilizzati non venga rilevato il gene S (un fenomeno chiamato dropout del gene S), può permettere di identificare rapidamente i campioni potenzialmente positivi al nuovo ceppo prima della conferma dal sequenziamento.

Alcune delle mutazioni d Omicron sono associate a una maggiore trasmissibilità e altre potrebbero anche significare che la nuova variante è più capace di eludere le nostre difese immunitarie e le risposte indotte dai vaccini. “Ciò che è estremamente preoccupante è l’accumulo di così tante mutazioni – ha detto al WSJ Theodora Hatziioannou, una virologa della Rockefeller University che studia come le varianti sfuggono alla protezione anticorpale –  L’altra cosa preoccupante è che [le sue] mutazioni si sovrappongono alle mutazioni che abbiamo identificato nel nostro sistema e che catalogavano per mutazioni che rendevano gli anticorpi meno efficaci”.

Il dottor Sigal, che lavora in un laboratorio ad alta sicurezza nella città costiera sudafricana di Durban, è uno dei centinaia di scienziati in tutto il mondo che coltivano la variante Omicron per testare come si comporta contro campioni di sangue di persone vaccinate e guarite. La disponibilità di campioni di sangue di ex pazienti e persone vaccinate sta accelerando parte di quel lavoro.

Gli esperimenti che utilizzano virus infettivi o che rivelano l’effetto di singole mutazioni sul comportamento del virus richiederanno comunque tempo, ma la ricerca che esamina le interazioni tra il picco mutante di Omicron e gli anticorpi dovrebbe fornire alcune risposte alla domanda sull’evasione immunitaria in appena una settimana, secondo Vineet Menachery, virologo presso l'Università del Texas Medical Branch.

29554 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni