36 CONDIVISIONI

“Catturata” la luce delle stelle più antiche

I dati ottenuti a partire dal 2008 grazie al lavoro del telescopio spaziale Fermi hanno consentito di osservare nel dettaglio la cosiddetta “luce extragalattica di fondo”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Redazione Scienze
36 CONDIVISIONI
nasa astronomia

Quasi quattro anni di lavoro ed un ottimo risultato per il telescopio spaziale Fermi, in missione del 2008 e frutto di una collaborazione internazionale guidata dalla NASA che ha visto all'opera, tra le altre, anche l'Agenzia Spaziale Italiana, l'Istituto Nazionale di Astrofisica e l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare: la missione è riuscita, infatti, a "fotografare" la luce proveniente dalle stelle nate per prime nell'Universo, isolandola all'interno della Luce di Fondo Extragalattica (EBL).

La conoscenza della Luce di Fondo Extragalattica è fondamentale al fine di comprendere caratteristiche e dettagli relativi alla formazione e alla natura delle stelle, poiché nella EBL è impressa come sulle pagine di un libro una parte significativamente importante della storia dell’Universo: tuttavia l’impresa necessita di apparecchiature particolarmente sofisticate in grado di rilevare la radiazione elettromagnetica emessa dai corpi celesti distinguendola da quella proveniente dalla nostra Galassia. Fermi è riuscito nel primo passo di "leggere" indirettamente tale radiazione analizzando l’interazione della Luce di Fondo Extragalattica con i raggi gamma provenienti da altre fonti già note agli esperti come i blazar (blazing quasi-stellar object), 150 sorgenti energetiche associate ad un buco nero supermassiccio: i dettagli dell'ampio studio internazionale che ha portato a tale risultato sono stati pubblicati dalla rivista Science.

I raffinati strumenti di Fermi hanno, dunque, lanciato uno sguardo all'interno di questa sorta di nebbia cosmica, fornendo così un'indicazione e una misura sulle differenze in termini di luce emessa tra le diverse generazioni di stelle e contribuendo, quindi, ad una comprensione più accurata delle fasi di formazione stellare. Del resto, come in una sorta di archeologia dell'Universo, «la luce ottica e ultravioletta delle stelle continua a viaggiare nell'universo anche dopo che le stelle hanno smesso di brillare e questo crea un campo di radiazione fossile che possiamo esplorare usando i raggi gamma da sorgenti distanti», come ha spiegato Marco Ajello ricercatore presso il Kavli Institute for Particle Astrophysics and Cosmology della californiana Stanford University. 

36 CONDIVISIONI
Gli antichi Egizi conoscevano (e misuravano) le stelle variabili
Gli antichi Egizi conoscevano (e misuravano) le stelle variabili
Riportato alla luce un antico tesoro in Bulgaria
Riportato alla luce un antico tesoro in Bulgaria
Maya, torna alla luce una tomba antichissima
Maya, torna alla luce una tomba antichissima
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views