15 Febbraio 2019
17:53

Cancro alle ovaie, intelligenza artificiale predice sopravvivenza ed efficacia dei trattamenti

Un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell’Imperial College di Londra ha messo a punto un’intelligenza artificiale che predice il tasso di sopravvivenza e l’efficacia dei trattamenti del cancro alle ovaie. Addestrata sui dati di 364 pazienti, il software formula un punteggio sulla base della forma, delle dimensioni, della struttura e della composizione genetica del tumore.
A cura di Andrea Centini

Un'innovativa intelligenza artificiale è in grado di predire il tasso di sopravvivenza delle pazienti colpite da cancro ovarico, inoltre può prevedere quale terapia è più opportuno intraprendere in base al singolo caso. Il software, che punta a migliorare la medicina personalizzata, è stato messo a punto da un team di ricerca internazionale guidato da studiosi del Cancer Imaging Centre dell'Imperial College di Londra, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Oncologia “Sir Peter McCallum” dell'Università di Melbourne (Australia) e del The Royal Marsden NHS Foundation Trust.

La ricerca. Gli scienziati, coordinati dal professor Eric O. Aboagye, docente presso il Dipartimento di Chirurgia e Cancro della Facoltà di Medicina dell'ateneo londinese, hanno “addestrato” l'intelligenza artificiale sottoponendo al software – chiamato TEXLab – le caratteristiche dei tumori alle ovaie di 364 pazienti, tutte seguite tra il 2004 e il 2015. A partire dalle scansioni CT (tomografie computerizzate) l'IA ha valutato parametri come struttura, forma e dimensioni di ciascun tumore, inoltre è stata arricchita con informazioni sulla composizione genetica. Elaborando tutti questi valori relativi a un cancro ovarico il software è in grado di determinare con precisione la prognosi delle pazienti.

Medicina personalizzata. L'intelligenza artificiale assegna un punteggio – chiamato Radiomic Prognostic Vector (RPV) – a ciascuna paziente, con una scala che va dal lieve al grave. Più risulta alto il punteggio RPV e maggiore è il tasso di mortalità; ad esempio, il 5 percento delle pazienti con l'RPV più elevato ha manifestato una sopravvivenza inferiore ai due anni. L'accuratezza sulla previsione della morte è risultata essere quattro volte maggiore rispetto ai metodi tradizionali basati su esami del sangue. L'RPV è anche un indicatore di quanto possono essere efficaci chemioterapia e trattamenti chirurgici (punteggi alti equivalgono a maggiori difficoltà di trattamento), per questo l'esame può indirizzare le pazienti verso cure alternative e potenzialmente più efficaci. Il cancro alle ovaie ha un tasso di sopravvivenza a lungo termine soltanto del 35-40 percento, poiché spesso viene diagnosticato quando ormai è troppo tardi. Grazie al supporto dell'intelligenza artificiale queste percentuali potrebbero essere sensibilmente ridotte. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica Nature Communications.

Cancro, intelligenza artificiale prevede con precisione gravità di tre sintomi comuni
Cancro, intelligenza artificiale prevede con precisione gravità di tre sintomi comuni
Cancro alle ovaie, rivoluzionario test del sangue lo rivela allo stadio iniziale
Cancro alle ovaie, rivoluzionario test del sangue lo rivela allo stadio iniziale
Così l'intelligenza artificiale di Huawei ha completato la "sinfonia incompiuta" di Schubert
Così l'intelligenza artificiale di Huawei ha completato la "sinfonia incompiuta" di Schubert
217.065 di Tecnologia Fanpage
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni