Con un semplice esame della saliva sarà possibile individuare gli uomini più esposti al rischio di sviluppare il cancro alla prostata, favorendo sia azioni preventive che il risparmio di esami invasivi a chi non ne ha bisogno. La sperimentazione del test, messo a punto da ricercatori dell'autorevole Istituto per la ricerca sul cancro di Londra, è stata appena avviata su 300 uomini in tre nosocomi della capitale britannica.

Gli scienziati guidati dalla dottoressa Rosalind A. Eeles lo hanno sviluppato sulla base di criteri genetici, dopo aver analizzato i profili di ben 140mila uomini di tutto il mondo. Eeles e colleghi hanno individuato 63 nuove variazioni genetiche legate a un potenziale aumento nel rischio di sviluppare questa diffusa forma di cancro – che ogni anno in Italia colpisce circa 40mila uomini – e le hanno aggiunte alle altre cento già note. In questo modo sono riusciti a mettere a punto l'innovativo test del DNA basato su un tampone salivare.

Si ritiene che almeno un uomo su cento presenti queste variazioni genetiche, dunque riuscire a individuare i soggetti più a rischio anzitempo potrebbe salvare moltissime vite ogni anno. Ma non solo. Gli scienziati, infatti, indicano che soltanto chi risulta positivo a questo esame dovrebbe sottoporsi a biopsie e ad altre analisi più approfondite; tutti gli altri dovrebbero evitarle – alcuni sono interventi invasivi – con un concreto risparmio anche per le casse pubbliche.

“Abbiamo dimostrato che le informazioni ricavate da più di 150 varianti genetiche possono essere combinate per avere una lettura del rischio ereditario di cancro alla prostata in un uomo”, ha dichiarato la professoressa Eeles. Se i risultati sui 300 uomini saranno incoraggianti l'esame sarà esteso ad altri 5mila uomini, per essere poi reso accessibile a tutti per un costo di circa 10 euro. Si tratterebbe di una vera e propria svolta, dato che gli esami attuali basati sulla proteina PSA non sono soddisfacenti. I dettagli sull'esame sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica specializzata Nature Genetics.