24 Luglio 2021
13:22

Camminare al caldo ti provoca irritazione alle cosce? I rimedi per prevenirla e trattarla

L’irritazione della cosce e di altre parti del corpo a causa dello sfregamento della pelle può rovinare le passeggiate estive in riva al mare o in montagna. Fortunatamente esistono diversi rimedi (naturali e non) non solo per trattare e lenire l’irritazione, ma anche per prevenirla. Ecco cosa c’è da sapere.
A cura di Andrea Centini

Durante le belle giornate estive non di rado si sceglie di fare una lunga passeggiata, magari sulla spiaggia al mattino presto o tra i sentieri di un bosco. Spesso, tuttavia, questa salutare attività fisica può sfociare nell'arrossamento e l'irritazione della pelle, a causa dello sfregamento che si determina durante il movimento. L'irritazione in alcuni casi può essere così intensa da determinare una vera e propria ustione da attrito. La parte più comunemente colpita è l'interno delle cosce, ma possono essere interessati anche i piedi (con la formazione di vesciche), i glutei, le ascelle e persino i capezzoli. La sensazione di bruciore che si sperimenta può essere talmente insopportabile da costringerci a fermarci e tornare indietro, rovinando inevitabilmente l'esperienza. Fortunatamente ci sono alcuni rimedi utili sia per prevenire che per trattare l'irritazione. Ecco quali sono.

Chi colpisce di più lo sfregamento della pelle

Il peso in eccesso su cosce, braccia e addome, come specificato dagli esperti di healthline.com, può amplificare il rischio di andare incontro alle irritazioni da sfregamento, tuttavia non è solo la corporatura a giocare un ruolo. Anche la postura e la forma del corpo possono infatti dare il proprio significativo contributo. Tra le attività che aumentano il rischio, oltre alle lunghe camminate, vi sono la corsa di fondo e la bicicletta, a causa dei movimenti ripetitivi, del sudore e del continuo sfregamento della pelle sugli indumenti (soprattutto se inadatti) e sul seggiolino. Anche i vestiti troppo stretti – in particolar modo la biancheria intima – possono catalizzare il rischio di irritazioni della pelle. Per questo la prima arma per difendersi dalle irritazioni da sfregamento è indossare vestiti comodi e soprattutto fatti di materiali adeguati. Quelli appositamente pensati per il ciclismo e l'atletica in generale sono di grande aiuto, mentre quelli sintetici e poco traspiranti possono favorire l'attrito e di conseguenza lo sviluppo della condizione cutanea.

I rimedi più efficaci per prevenire l'irritazione da sfregamento

Oltre al vestiario adatto e a veri e propri gel “anti sfregamento” che possono essere acquistati in farmacia, si può prevenire l'irritazione anche utilizzando la comune vaselina. Come rilevato nell'articolo “The wear and tear of 26.2: dermatological injuries reported on marathon day” pubblicato sul British Journal of Sports Medicine da scienziati dell'Università Statale di Wright (Stati Uniti), la vaselina rende “scivolosa” la pelle e viene assorbita lentamente, offrendo una certa efficacia preventiva contro lo sfregamento. Anche le creme a base di ossido di zinco, come spiegato da healthline.com, possono essere d'aiuto poiché riducono l'umidità delle parti trattate. Il sudore è infatti uno dei principali catalizzatori delle irritazioni.

I rimedi contro l'irritazione della pelle da sfregamento

Qualora si dovesse sperimentare arrossamento e irritazione della pelle a causa dello sfregamento, le creme ad azione riparatrice e lenitiva appositamente progettate rappresentano naturalmente la soluzione più adatta, previo consiglio del farmacista o del dermatologo. Ovviamente è possibile adottare anche diversi rimedi naturali. Uno dei più raccomandati è l'aloe vera, utilizzata da secoli per combattere infiammazioni e irritazioni della pelle. Sulle parti interessate si può usare un gel preconfezionato oppure estrarlo personalmente dalle foglie della pianta. Un altro rimedio molto efficace è l'olio di cocco, come rilevato dallo studio “Anti-Inflammatory and Skin Barrier Repair Effects of Topical Application of Some Plant Oils” pubblicato sulla rivista scientifica International Journal of Molecular Sciences. Pur essendo utile nel lenire e ridurre l'infiammazione, poiché l'olio di cocco resta poco tempo sulla pelle non è considerato un efficace metodo come la vaselina (che a sua volta può ridurre l'irritazione). Altri rimedi naturali ritenuti efficaci sono l'amido di mais (meglio del talco) e il burro di karitè; il primo genera anche una superficie morbida sulla pelle che evita ulteriori attriti, mentre il secondo, in base allo studio “Anti-inflammatory effects of shea butter through inhibition of iNOS, COX-2, and cytokines via the Nf-κB pathway in LPS-activated J774 macrophage cells”, possiede proprietà antiinfiammatorie che possono favorire la guarigione della pelle.

Le tre strategie del coronavirus per replicarsi e ingannare il sistema immunitario
Le tre strategie del coronavirus per replicarsi e ingannare il sistema immunitario
Così la pandemia di Covid-19 sta peggiorando la nostra memoria
Così la pandemia di Covid-19 sta peggiorando la nostra memoria
Pregliasco: “Con Green pass classi più sicure, ma il nodo sono sempre i trasporti”
Pregliasco: “Con Green pass classi più sicure, ma il nodo sono sempre i trasporti”
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni