L'utilizzo di prodotti disinfettanti per la casa aumenta il rischio di sovrappeso nei bambini, a causa delle alterazioni che essi comportano al microbioma intestinale dei piccoli. A dimostrarlo un team di ricerca canadese della Scuola di Salute Pubblica presso l'Università di Alberta, che ha analizzato statisticamente i dati di oltre 750 bambini coinvolti nello studio Healthy Infant Longitudinal Development (CHILD).

Gli scienziati, coordinati dalla professoressa Anita Kozyrskyj, docente di pediatria presso l'ateneo di Edmonton, sono giunti a questa conclusione dopo aver associato l'indice di massa corporeo (BMI – Body Mass Indiex) dei piccoli con l'esposizione ai prodotti antimicrobici per la casa – indicato dalle madri in specifici questionari – e la loro flora intestinale quando avevano 3 o 4 mesi, verificata attraverso l'analisi di campioni fecali. Il peso è stato misurato a 1 e 3 anni di età.

Kozyrskyj e colleghi hanno scoperto che i bambini che mostravano una maggiore alterazione del microbioma intestinale e un BMI più elevato erano quelli esposti all'uso frequente dei disinfettanti e detergenti adatti a più superfici. Nello specifico, hanno osservato una riduzione nelle colonie di batteri del genere Haemophilus e Clostridium e livelli maggiori dei Lachnospiraceae. La stessa alterazione non è stata trovata nei bambini le cui madri utilizzavano detergenti eco-compatibili. “Abbiamo scoperto che i bambini che vivevano in famiglie dove i disinfettanti venivano utilizzati almeno una volta alla settimana avevano il doppio delle probabilità di avere livelli più elevati di Lachnospiraceae nell'intestino all'età di 3-4 mesi; quando avevano 3 anni il loro indice di massa corporea era più alto dei bambini non esposti a un uso frequente di disinfettanti”, ha dichiarato la professoressa Kozyrskyj, che è anche coordinatrice del progetto SyMBIOTA, nato per valutare gli effetti delle alterazioni del microbioma sulla salute.

Gli scienziati hanno inoltre rilevato che i bambini esposti a disinfettanti eco-compatibili avevano livelli molto più bassi di batteri della famiglia Enterobacteriaceae, tuttavia questa alterazione non ha evidenziano alcun impatto sull'indice di massa corporeo. Poiché l'utilizzo di prodotti antibatterici per la casa riescono a influenzare il microbioma e il rischio di sviluppare sovrappeso e obesità nei bambini, gli scienziati canadesi suggeriscono di condurre studi più approfonditi sul tema, in particolar modo sull'impatto dei batteri della famiglia Lachnospiraceae. Lo scorso hanno il microbiologo Jack Gilbert, direttore del Centro Microbioma dell'Università di Chicago, ha dichiarato che avere la casa "disinfettata come un ospedale" inficia lo sviluppo del sistema immunitario dei bambini. I dettagli della ricerca canadese sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Canadian Medical Association Journal.