Qualche giorno fa dall'America giunse il consiglio, per le donne incinta afflitte dalle nausee, di bere sperma. E' sempre dall'America, ma chi ne vuol trarre un consiglio non deve aspettare d'essere in dolce attesa, che giunge la notizia che bere sperma faccia bene. La Columbia University di New York, infatti, ha reso noto che il liquido seminale maschile ha tante capacità nutritive, dal momento che contiene vitamina C, proteine, fruttosio, zinco, acido citrico e altro ancora. Nel regno animale esistono diverse specie nelle quali l'assunzione per via orale del liquido seminale maschile è frequente. E' il caso, ad esempio, dei cefalopodi, nei quali apparato genitale e orale coincidono. Secondo i ricercatori della Columbia University, i modelli animali osservati confermerebbero che l’assunzione di sperma accresce la fertilità delle femmine, rafforza il sistema immunitario, allontanando patologie quali pre-eclampsia e aborti spontanei. Benjamin Wegener, autore della ricerca pubblicata sulla rivista di settore "Biology Letters", avverte gli entusiasti:

Se i maschi consumano tutto il loro sperma invece che utilizzarlo per la fecondazione dell'uovo, perderanno ogni opportunità riproduttiva. Pertanto, è nell'interesse del maschio cercare di garantire che almeno un po' del suo sperma raggiunga le uova della femmina.