Nei primi giorni di ottobre il canale YouTube della Deerpark Christian Brothers School, nella località di Cork, ha diffuso un video che sicuramente per Halloween farà la sua bella figura. Dai fenomeni che vengono immortalati nelle immagini si evincerebbe la presenza di un fantasma: un armadietto comincia ad oscillare; uno sportello si apre gettando a terra dei fogli; un cartello delle pulizie viene lanciato via dal nulla. Come si spiegano questi fenomeni?

Cosa stiamo vedendo realmente?

Dalla ricostruzione a disposizione il filmato sarebbe stato realizzato da una telecamera di sicurezza dell'istituto. Questo è curioso perché l'inquadratura sembra piuttosto atipica per essere tratta da un apparecchio fissato ad un muro, troppo bassa e leggermente inclinata, ma non basta per liquidare il tutto come un fake, a prescindere dal fatto che ad oggi non esistono dati scientifici seri a favore dei fenomeni paranormali.  Torneremo ad analizzare questo aspetto alla fine.

Illusionismo o trucchi digitali? Una spiegazione dei fenomeni che vediamo nel filmato è stata la principale arma contro chi da decenni millanta di avere poteri straordinari: l'illusionismo. Da Harry Houdini a James Randi questa antica arte è stata decisiva per smontare definitivamente le tesi parapsicologiche e spiritiste, proprio gli illusionisti infatti – conoscendo i trucchi del mestiere – hanno saputo smascherare presunte medium e maghi. Prima di arrivare a questa conclusione è necessario fare una analisi dei fotogrammi, in modo da escludere un altro fattore: quello dei ritocchi in post-produzione, magari mediante un programma apposito. Come con l'illusionismo anche i software dedicati al montaggio e all'animazione possono essere validi alleati nello smascherare le bufale spiritiste.

Analisi dei fotogrammi

Analizzando i fotogrammi scopriamo infatti che non si tratta nemmeno di trucchi da illusionista, bensì di un lavoro in post-produzione realizzato mediante trucchi accessibili a tutti utilizzando dei programmi di animazione come After Effects. Nel video che abbiamo realizzato facciamo notare due anomalie: la prima riguarda lo sportello dell'armadietto, che nello spazio di pochi frame scompare coperto da un'ombra, esattamente quando saltano fuori i fogli; la seconda anomalia avviene quando il cartello delle pulizie salta fuori campo, con la linea di una mattonella che ricompare magicamente.

Torniamo alla questione dell'inquadratura. I colleghi di Snopes hanno avuto modo di recuperare delle immagini da angolazioni diverse dell'androne in cui si sarebbero svolti i fatti, ottenendo così la posizione reale delle videocamere di sorveglianza. Abbiamo quindi la conferma che il filmato non poteva essere stato realizzato mediante esse. Un'altro apparecchio è stato appositamente posizionato lì. Questo elemento chiude definitivamente la questione.