Un video divenuto virale in questi giorni su Facebook mostra uno stormo di anatre attendere diligentemente il semaforo rosso prima di attraversare la strada. Il fatto sarebbe accaduto in una località non meglio precisata della Germania. Nonostante siano noti comportamenti di questo tipo in alcune specie di uccelli, diversi aspetti del filmato destano sospetti sulla sua genuinità.

Cosa c’è che non va nel filmato?

Non è certo un mistero per gli etologi la possibilità che degli uccelli possano abituarsi alle routine del traffico cittadino, ed effettivamente più un contenuto è ritenuto plausibile meglio si presta a divenire virale. Pensiamo ai corvi che hanno imparato ad utilizzare il passaggio delle auto quando il semaforo è verde per rompere le noci, all'apparire del rosso attraversano la strada per cibarsi. Ed è solo uno degli aspetti studiati dell’intelligenza nei volatili che vivono in città. In questo caso il sospetto che si tratti di un fake ci viene già dalla pagina che ha postato il filmato per la prima volta – non proprio una associazione di etologi – si tratta infatti di un'agenzia specializzata proprio nella creazione di contenuti virali per il marketing, la Medien Saar. Ma non tutti i contenuti studiati per una diffusione virale devono ritenersi necessariamente falsi. Non di meno sono state segnalate diverse anomalie, come spiegano anche i colleghi di Snopes: “le ombre sotto le anatre sono poco più di dischi statici che appaiono troppo scuri per le condizioni di illuminazione. E’ possibile anche vedere le linee della sfocatura del marciapiede mentre le anatre si muovono su di essa” – infine, ci sono problemi anche nell’andatura – “queste anatre sembrano scivolare più che camminare”.

Struzzi sciatori giapponesi

Che dire allora degli struzzi filmati mentre sciano in Giappone? Il video originale che mostra le loro acrobazie in una pista innevata risale ai primi anni 2000. Anche in questo caso il contesto in cui è stato prodotto ci aiuta a capire che non dovremmo fidarci tanto della sua genuinità, è stato messo in circolazione infatti dalla Tugboat, un’altra agenzia di marketing, incaricata in questo caso di promuovere il turismo in Giappone. Furono creati diversi filmati spettacolari con soggetti analoghi. Alla fine è possibile anche risalire agli artisti che li realizzarono, mescolando immagini di veri sciatori con costumi da struzzo assieme a filmati con veri esemplari.