Per la prima volta è stato osservato che gli alligatori americani si nutrono anche di squali, che catturano quando le specie si incontrano occasionalmente negli estuari e nelle acque salmastre. Il fenomeno è stato documentato da ricercatori dell'Università Statale del Kansas e della Kansas Cooperative Fish and Wildlife Research, che hanno dedicato all'interazione tra i due predatori l'articolo “Reciprocal Intraguild Predation between Alligator mississippiensis (American Alligator) and Elasmobranchii in the Southeastern United States”.

Naturalmente non si tratta di uno scontro titanico come quello possibile tra un coccodrillo marino – che supera i sei metri di lunghezza – e un possente squalo bianco, ma nella maggior parte dei casi di veri e propri ‘spuntini', dato che le specie di squali predate dagli alligatori sono generalmente – ma non sempre – piuttosto piccole. I ricercatori responsabili della ricerca, i dottori James Nifong e Russell Lowers, quest'ultimo biologo della fauna selvatica in forze alla Integrated Mission Support Services presso il Kennedy Space Center, sottolineano che sebbene si tratti di specie che vivono in ambienti diversi i contatti sono molto più comuni di quel che si possa pensare.

Squali e razze, appartenenti al gruppo degli elasmobranchi, non di rado si avvicinano agli estuari dei fiumi dove l'acqua è salmastra (alcune specie li risalgono come l'aggressivo squalo leuca o squalo zambesi), mentre gli alligatori, pur non possedendo una ghiandola del sale come i ‘cugini' coccodrilli, possono avventurarsi in acqua marina. Il periodo preferito dai rettili è quello subito dopo abbondanti piogge, con l'acqua dolce che può galleggiare su quella salata per diverso tempo.

Gli alligatori si nutrono solitamente di lumache, crostacei e piccoli pesci, ma essendo predatori opportunisti non si lasciano sfuggire eventuali squali. Oltre alle (rare) osservazioni degli attacchi, i ricercatori hanno anche catturato 500 alligatori e ne hanno estratto il contenuto dello stomaco con una pompa, scoprendo che i rettili che vivono lungo la costa della Georgia e attorno alla Florida si nutrono di tre differenti specie di squali e persino di una razza. Studiando documenti storici hanno inoltre determinato che durante alluvioni avvenute nel 1800 ci sono stati anche attacchi di squali nei confronti di piccoli alligatori, un evento ancora non documentato. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Southeastern Naturalist.

[Credit: US Fish and Wildlife Service JN "Ding" Darling National Wildlife Refuge]