Essere allergici alla carne rossa è possibile, si tratta di una forma di allergia rara che può essere influenzata dal nostro gruppo sanguigno e a darne la conferma sono i ricercatori che in occasione dell'annuale Congresso dell'American Academy of Allergy, Asthma & Immunology (AAAAI) hann presentato il loro studio intitolato “B Antigen Protects Against the Development of α-Gal-Mediated Red Meat Allergy”. Ma chi è più o meno a rischio?

Allergia alla carne rossa. Quanto parliamo di allergia alla carne rossa ci riferiamo ad una reazione eccessiva provocata da specifici anticorpi, IgE. A scatenare il tutto sarebbe il galattosio-alfa-1,3-galattosio, uno zucchero che è presente in questo alimento. L'allergia alla carne rossa è poco conosciuta ancora e i suoi sintomi compaiono da 3 a 6 ore dopo l'ingestione dell'alimento, per questo è difficile per i medici riuscire a diagnosticarla. Attualmente non esiste una terapia, bisogna quindi fare attenzione per evitare di mangiare prodotti che potrebbero scatenare questa allergia.

Galattosio-alfa-1,3-galattosio e gruppo sanguino. I ricercatori hanno scoperto che la struttura molecolare del galattosio-alfa-1,3-galattosio è simile a quela dell'antigene B, un carboidrato che si trova nelle cellule del sangue delle persone con gruppo sanguigno B o AB. “Abbiamo ipotizzato che le persone che esprimono l'antigene B hano un sistema immunitario che è abituato ad ignorare il galattosio-alfa-1,3-galattosio che viene considerato un antigene innocuo” spiegano gli esperti che proseguono “Se questo è corretto, allora le persone che producono un antigene B dovrebber essere meno a rischio di sviluppare una sensibilizzazione allergica al galattosio-alfa-1,3-galattosio e, di conseguenza, essere protetti dall'allergia alla carne rossa”.

Lo studio. Per giungere alle loro conclusioni, i ricercatori hanno osservato e comparato le frequenze dei gruppi sanguigni 0, A, B e AB di 280 persone, 92 delle quali con allergia alla carne rossa. Dai dati raccolti è emerso che solo il 4,35% delle persone allergiche aveva gruppo sanguigno con l'antigene B, in generale le persone con gruppo sanguigno B o AB risultavano essere cinque volte meno allergiche.