26 Novembre 2021
12:44

Addio all’amore eterno degli albatri: i fedeli uccelli divorziano di più per la crisi climatica

I cambiamenti climatici stanno spingendo gli albatri a separarsi più spesso. In questi uccelli marini simbolo di fedeltà è triplicato il tasso dei “divorzi”.
A cura di Andrea Centini

I cambiamenti climatici stanno aumentando il tasso di separazione delle coppie di albatri, meravigliosi uccelli marini la cui monogamia è proverbiale e fonte di ispirazione. Una volta stabilitasi, infatti, normalmente una coppia si giura “amore eterno” e non si separa per decenni, fino al decesso di uno dei due partner. Solo nel 2,7 percento dei casi si verificano "divorzi", legati all'insuccesso riproduttivo. Tuttavia, a causa del riscaldamento globale, questa percentuale è triplicata, fino all'8 percento in presenza di acque molto calde. Le colonie di questi grandi uccelli – l'albatro (o albatros) urlatore è la specie con la più grande apertura alare al mondo, ben 3,5 metri – sono in significativo declino in varie parti del mondo; la perdita della monogamia in tante coppie è uno dei segnali di un mondo sempre più inospitale, che potrebbe avere effetti ancor più negativi sul tasso di natalità e il numero di esemplari nelle colonie.

A determinare che gli albatri si stanno separando di più a causa del cambiamento climatico è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati portoghesi del Dipartimento di Biologia Animale dell'Università di Lisbona, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del SAERI – South Atlantic Environmental Research Institute di Stanley (Isole Falkland), dell'Istituto per l'ambiente e la sostenibilità dell'Università di Exeter (Regno Unito) e del MARE – Centro di scienze marine e ambientali, ISPA – Instituto Universitário Rua Jardim do Tabaco. I ricercatori, coordinati dal professor Francesco Ventura, docente presso il CESAM – Facoltà di Scienze dell'ateneo lusitano, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver studiato per ben 15 anni una popolazione di 15.500 coppie nidificanti di albatri sopracciglio nero (Thalassarche melanophrys) – la specie più comune di albatros –, tutte stanziate sulle Isole Falkland.

Normalmente, come indicato, il tasso di separazione di questi uccelli marini si attesta tra l'1 e il 3 percento ed è connesso alla nascita dei piccoli; se la coppia non è riproduttiva, infatti, i partner possono separarsi in cerca di miglior fortuna. Ora in alcuni casi il tasso di separazione risulta triplicato e non è sempre associato ai pulcini. Si separano anche coppie affiatate che hanno dato vita a prole numerosa. Le acque marine sempre più calde a causa dell'immissione di anidride carbonica (CO2) e altri gas a effetto serra in atmosfera, infatti, determinano una riduzione nella disponibilità di pesce, rendono l'habitat più inospitale, fanno morire più pulcini, costringono gli adulti a viaggi in mare aperto sempre più lunghi ed estenuanti e fanno schizzare alle stelle gli ormoni dello stress. Tutto questo si riflette inevitabilmente anche sulla qualità e sulla stabilità delle relazioni, che finiscono per rompersi con maggiore facilità.

Il professor Ventura e i colleghi hanno proposto due distinte teorie su come il riscaldamento globale stia aumentando il tasso di separazione degli albatri. La prima è legata alla scarsità di pesce a causa dell'acqua calda: gli uccelli, infatti, per pescare sono costretti a fare viaggi molto più lunghi e non sempre riescono a tornano in tempo ai siti di nidificazione; i partner in attesa potrebbero decidere di accoppiarsi con altri se questo intervallo di tempo diventa troppo lungo. La seconda teoria è lo stress scaturito dal vivere in un ambiente più caldo e dunque ostile, in cui le riproduzioni hanno meno successo e la fame è maggiore per la mancanza di pesce. Uno dei due partner potrebbe "incolpare l'altro" di questo stress dovuto ai cambiamenti climatici e ciò determina la rottura del rapporto. Come specificato dal professor Ventura, gli albatri separati generalmente tendono a cercare un nuovo partner.

Le attuali popolazioni di questi uccelli marini sono in seria sofferenza e si calcola che le coppie riproduttive siano la metà di quelle degli anni '80. Il pianeta è destinato a scaldarsi ulteriormente e se non riusciremo a contenere l'aumento della temperatura oltre la fatidica soglia di 1,5° C rispetto all'epoca preindustriale rischiamo una vera e propria catastrofe ecologica, con una perdita significativa della biodiversità. I dettagli della ricerca “Environmental variability directly affects the prevalence of divorce in monogamous albatrosses” sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Proceedings of the Royal Society B.

Sotto al permafrost siberiano c'è una bomba di metano che può far esplodere la crisi climatica
Sotto al permafrost siberiano c'è una bomba di metano che può far esplodere la crisi climatica
La crisi climatica sta "uccidendo" il ghiacciaio alpino più antico: coperto da teli per proteggerlo
La crisi climatica sta "uccidendo" il ghiacciaio alpino più antico: coperto da teli per proteggerlo
Cos'è il Grande Minimo Solare, la nuova bufala dei negazionisti dei cambiamenti climatici
Cos'è il Grande Minimo Solare, la nuova bufala dei negazionisti dei cambiamenti climatici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni