1.973 CONDIVISIONI
2 Novembre 2015
15:54

10 motivi per cui faresti meglio ad evitare di adottare un cane

Vivere con un cane è meraviglioso, ma anche impegnativo e forse non tutti si rendono conto delle sue necessità. Ecco allora 10 motivi per cui, se non ci si sente all’altezza della situazione, bisognerebbe evitare di avere un cane.
1.973 CONDIVISIONI
Cani in libertà
Cani in libertà
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cani, istruzioni per l'uso: per capire cosa pensano e dicono e come renderli felici

Vivere con un cane non significa unicamente avere qualcuno che ti accoglie festoso quando rientri a casa. Vivere con un cane significa assumersi una lunga serie di responsabilità sia verso il cane stesso che verso la società all'interno della quale viviamo. Prima di scegliere di adottare un cane, per poi magari consegnarlo ai cancelli di un canile o legarlo al guardrail in autostrada, bisognerebbe informarsi sui doveri che si assumono una volta che Fido fa ingresso in casa. Ci sono almeno 10 buoni motivi per i quali, se non ci si sente all'altezza della situazione, bisognerebbe evitare di adottare un cane:

  1. I cani non sono bambini. Ad alcuni potrà sembrare una verità sconcertante, eppure è così. I cani sono animali e non neonati, per questo non hanno bisogno di stare in braccio o in borsa, non hanno bisogno di avere un guardaroba e non hanno bisogno di essere lavati una volta a settimana.
  2. I cani perdono peli. Prima di portare Fido in canile perché sporca casa, sappiate che molto più spesso di quanto ci si possa immaginare, i quattrozampe lasciano dietro di loro mucchi di peli. Aspirapolvere e scopa possono risolvere questo problema.
  3. I cani mettono il naso nella pipì. Non sono feticisti e neanche sporcaccioni, i cani semplicemente hanno bisogno di odorare per terra le pipì lasciate dai loro simili per poter comunicare con loro.
  4. I cani tirano a guinzaglio. Ebbene sì, Fido, quando non viene mai lasciato libero, quando viene strattonato, quando esce una volta al giorno, quando fa passeggiate brevi e frettolose, prima o poi impara a tirare a guinzaglio. Se non avete pazienza o tempo da dedicargli, evitate di prendervi un cane.
  5. I cani fanno la cacca. La fisiologia non ha dubbi, anche i cani producono escrementi che a qualsiasi essere umano, giustamente, fanno schifo. Nessuno è contento di raccogliere 3 etti di cacca alle 7 di mattina prima ancora di fare colazione, o peggio subito dopo, però funziona così, a meno che non pensiate di essere tanto sfortunati da aver bisogno di schiacciare feci a ripetizione sperando in una botta di fortuna. Hanno inventato dei comodi sacchettini di plastica per agevolare l'arduo compito della pulizia post cane.
  6. I cani hanno bisogno di uscire. Grossi, piccoli, esili o muscolosi poco importa, i cani amano uscire e relazionarsi tra loro, ma con i giusti tempi e le giuste distanze. Non una, non due, ma almeno tre devono essere le passeggiate che non possono durare solo pochi minuti.
  7. I cani mangiano e bevono. Tra i contenitori della raccolta differenziata nessuna azienda per i servizi ambientali ha mai segnalato i cani, questo significa che gli avanzi dei pranzi umani non devono finire nelle loro ciotole. I cani necessitano di alimenti specifici adatti al loro metabolismo e perfetti per mantenerli sani. Ovviamente hanno anche bisogno di acqua, per questo dobbiamo garantire loro una ciotola sempre piena.
  8. I cani provano sentimenti. Per quanto la legge italiana consideri gli animali domestici “beni mobili”, quindi al pari di una lampada o una sedia, nella realtà dei fatti sono esseri senzienti dotati di sentimenti. Questo significa che anche loro vorrebbero venire in vacanza con noi invece di essere parcheggiati in qualche struttura dedicata, così come soffrono se non li coccoliamo o li chiudiamo fuori casa.
  9. I cani hanno bisogno di natura. Alberi, prati, boschi, mare, montagna, laghi, fiumi questi sono i luoghi i cui i cani sono più felici. Certo anche il cemento e i cuscini del divano non sono male, ma una vita fatta unicamente di passeggiate a guinzaglio tra le vie di una città trafficata non può definirsi in linea con le necessità di un cane.
  10. I cani amano puzzare. Il nostro desiderio di dormire tra lenzuola profumate è direttamente proporzionale al piacere che prova un cane nel dormire in una cuccia non lavata. Quello che per voi è puzza, per lui è il suo odore, la sua casa, il suo conforto. Non c'è bisogno di mettere in lavatrice la cuccia, basta farle prendere aria dalla finestra.

Solo chi riesce a vedere queste 10 caratteristiche dei cani come pregi o dati di fatto e non come difetti o problemi può realmente occuparsi di Fido, essendo capace di amarlo e rispettarlo per ciò che è. Ogni anno vengono abbandonati circa 50.000 cani, l'80% dei quali rischia di morire a causa di incidenti stradali, fame, sete e maltrattamenti: più informazione e coscienza e meno ignoranza e capricci potrebbero evitare questa triste abitudine.

1.973 CONDIVISIONI
Zeina nasce a Genova dove vive finché non decide di iniziare a girare in cerca della sua strada e così Roma, Milano, Brema e poi ancora Milano. Dopo aver concluso il percorso di studi che l'ha portata ad ottenere una Laurea Magistrale e aver lavorato nel campo della produzione televisiva, del marketing e delle agenzie pubblicitarie, adesso vive le sue giornate da giornalista scrivendo di Mondo Animale e Natura, realizzando video, conducendo una sua trasmissione radiofonica su una delle principali FM italiane e trascorrendo il suo tempo in mezzo ai cani (e ai loro proprietari), visto che è anche Educatrice Cinofila SIUA. Il suo compagno di vita è Teseo, un quattrozampe greco salvato a Naxos, in Grecia.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cani, istruzioni per l'uso: per capire cosa pensano e dicono e come renderli felici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni