Sono noti da tempo gli effetti negativi di una dieta eccessivamente caratterizzata dal consumo della carne rossa. Causa di malattie cardiovascolari, di cancro e di ischemia, quello che ancora non appariva chiaro era cosa, della carne rossa, facesse davvero male. Secondo uno studio pubblicato dal Proceedings of the National Academy of Sciences ciò che della carne rossa causa il cancro sarebbe uno zucchero, il Neu5Gc. L'uomo, peraltro, sarebbe l'unico carnivoro al mondo nel quale aumentano le possibilità di contrarre il cancro se mangia carne rossa. Il Neu5Gc, infatti, innesca una risposta immunitaria dell'organismo che, nell'essere umano, causa infiammazioni. Mentre in condizioni normali l'organismo degli altri carnivori riesce a trasformare questo particolare zucchero e a renderlo innocuo, nell'essere umano ciò non avviene. Ma è sempre il consumo eccessivo ad essere nel mirino dei ricercatori, perché è in questi casi che il sistema immunitario dell'uomo produce un eccesso di anticorpi contro il Neu5Gc, causando dunque infiammazioni e favorendo la crescita di tumori.

Le sperimentazioni del caso sono state condotte sui ratti, ma, avverte Ajit Varki, coordinatore del team di ricerca e professore presso il Moores Cancer Center dell'Università della California, "sarà più difficile procurarsi la prova finale negli uomini, ma in generale questo lavoro potrebbe anche spiegare potenziali connessioni tra il consumo di carne rossa e altre malattie aggravate dalle infiammazioni croniche, come il diabete di tipo 2 e l’arteriosclerosi. Naturalmente, un consumo moderato di carne rossa può essere un’ottima fonte di nutrimento per i giovani".