Una mutazione del coronavirus, chiamata A107G, è stata trovata per la prima volta in un neonato, rilevata dai ricercatori dello Skåne University Hospital di Malmö, in Svezia, cinque giorni dopo la nascita in un contesto di una rara trasmissione da madre a feto. I medici hanno dovuto eseguire un taglio cesareo d’urgenza a causa di segni di sofferenza cardiaca mostrati dal feto, confermati dagli esami diagnostici post-partum che hanno indicato carenza di ossigeno nel sangue. Sia la madre, una donna di 27 anni di origini turche, sia il bambino sono risultati positivi al coronavirus, e le indagini di routine per verificare la possibilità che il neonato fosse stato infettato quando era ancora nel grembo materno, hanno escluso che la trasmissione si sia verificata dopo la nascita.

Io e i miei colleghi, abbiamo scoperto che il genoma virale della madre e del bambino erano identici – ha precisato su The Conversation la ginecologa Mehereen Zaigham, ricercatrice post-dottorato presso lo Skåne University Hospital e prima autrice del case report pubblicato sul British Journal of Obstetrics and Gynecology . Poiché il bambino era stato isolato dalla madre subito dopo il cesareo e non era entrato in contatto con altri membri della famiglia quando sono stati eseguiti questi test, i risultati hanno confermato che il bambino era stato effettivamente contagiato prima della nascita”.

Tuttavia, alcuni giorni dopo, un nuovo sequenziamento genetico ha mostrato che “la popolazione virale del bambino era cambiata e presentava una versione mutata del virus insieme al ceppo virale originale della madre – ha aggiunto Zaigham – . Per quanto ne sappiamo, questo è il primo caso di un cambiamento genetico del coronavirus nel contesto unico della trasmissione da madre a feto prima della nascita”. La mutazione, indicano i ricercatori potrebbe essere “stata stimolata dal bambino che è entrato in contatto con l’ambiente esterno, al di fuori dell’utero materno”. A sorprendere, però, è stata la rapidità con cui si è verificata la mutazione, una sostituzione in posizione 107, dove l’amminoacido alanina e stato sostituito da una glicina, nell’ambito del lignaggio B.1.1.

I ricercatori hanno inoltre osservato importanti cambiamenti nella placenta, il cui tessuto era in buona parte danneggiato. “C’era un’infiammazione diffusa e abbiamo riscontrato la presenza di proteine di Sars-Cov-2 in tutte le aree danneggiate dall’infiammazione”. La madre, si è ripresa rapidamente da Covid-19 ed è stata dimessa quattro giorni dopo il parto, mentre il bambino ha avuto bisogno di cure neonatali perché nato prematuramente (34 settimane di gravidanza). Ad ogni modo, il piccolo a sviluppato comunque anticorpi contro il virus e non ha manifestato sintomi gravi dopo la nascita. “È stato quindi il sistema immunitario del bambino a neutralizzare il virus, poiché non abbiamo trovato anticorpi nel latte materno della madre” ha concluso Zaigham.