credit: University of Florida http://news.ufl.edu/articles/2017/06/does–a–tiny–sea–creature–hold–the–key–to–heart–regeneration.php
in foto: credit: University of Florida http://news.ufl.edu/articles/2017/06/does–a–tiny–sea–creature–hold–the–key–to–heart–regeneration.php

Le persone colpite da arresto cardiaco improvviso durante il sesso rischiano quattro volte di più di morire rispetto a coloro che invece ne sono vittime durante l'attività sportiva. Questo è quanto si legge in queste ore online e la notizia arriva direttamente da Barcellona dalla European Society of Cardiology Conference che si sta tenendo in questi giorni. Per quanto la notizia non sia errata, non è però del tutto corretta, o comunque non è completa. Facciamo chiarezza.

Arresto cardiaco improvviso. Questa tipologia di arresto cardiaco è improvvisa perché può colpire chiunque in qualsiasi momento e si manifesta con perdita del polso, incoscienza, arresto respiratorio, il tutto avviene il pochi secondi e senza un intervento immediato, il paziente muore.

Lo studio. La notizia arriva dallo studio intitolato “Sudden cardiac arrest during sexual intercourse” del professor Sharifzadehgan che si è interrogato sulle diverse conseguenze e i rischi di morti legati agli arresti cardiaci che sopraggiungono durante il sesso e durante lo sporto. Per capirne di più, i ricercatori hanno analizzato 3.028 casi di arresto cardiaco improvviso, 246 dei quali insorti durante l'attività fisica, nello specifico sport (138), attività fisica moderata (91) e sesso (17). Tra questi ultimi, l'88% erano uomini.

Conclusioni. Dai dati raccolti, i ricercatori hanno scoperto che tra le 17 persone colpite da arresto cardiaco improssivo durante il sesso, 2 sono sopravvissute (l'11,8%), mentre tra le 229 colpite non durante il sesso, 115 sono sopravvissute (il 50,2%): in pratica il rischio di morire, se colpiti durante il sesso, è quattro volte superiore.

C'è un però. Come è possibile? L'arresto cardiaco improvviso durante il sesso è più grave? Per ottenere una risposta dobbiamo guardare un altro dato, quello cioè relativo agli interventi di primo soccorso. A quanto pare infatti solo il 47,1% delle persone colpite durante il sesso è stata soccorsa, la metà rispetto all'80,3% relativo a quelle colpite durante l'attività fisica moderata e lo sport. Questo cosa significa? Ci dimostra che, probabilmente, il rischio di morte aumenta perché le persone con arresto cardiaco immediato durante il sesso ottengono minor aiuto immediato.