Il 2016 non poteva concludersi meglio: il canile di Marano è completamente vuoto. Avete capito bene, tutti gli animali hanno trovato una famiglia e i volontari non possono che essere felici e soddisfatti del loro lavoro. In realtà il canile è stato svuotato il 24 dicembre e per questo l'evento è stato considerato un miracolo di Natale. Più che di miracolo però dobbiamo parlare di impegno e dedizione da parte di chi si è occupato delle adozioni, in particolare dell'ENPA Thiene-Schio, Vicenza.

"Vuote le gabbie dei cani, vuote quelle dei gatti", così un post su Facebook della pagina dell'ENPA racconta la situazione del canile, una situazione straordinaria perché raramente accade che un canile riesca a trovare una sistemazione per tutti i suoi ospiti, sia per l'abbondanza (purtroppo) di animali bisognosi, sia per la mancanza di adottanti. Ma non è questo il caso.

L'associazione conclude l'annuncio con un augurio a doppio senso: "A tutti gli amanti degli animali auguriamo un sereno Natale, vorremmo un Natale privo di sofferenze per tutti gli animali del Mondo, questo il nostro sogno. A chi non è amante degli animali invece, auguriamo di diventarlo, perché questo è un dono, e noi abbiamo la fortuna di averlo".

Nel 2016, grazie a questo canile, 120 cani e 30 gatti hanno trovato una casa definitiva in cui possono dimenticare la vita dietro le sbarre. Ogni anno sono circa 80.000 i gatti e 50.000 i cani che vengono abbandonati e che, se non muoiono prima investiti o per altre cause, finiscono in strutture dalle quali non sempre riescono ad uscire e si ritrovano così costretti a vivere in gabbia una vita intera. Cani e gatti non sono giocattoli e per questo non bisognerebbe prendersene carico se non si è certi di volersene occupare adeguatamente e per tutta la vita.