Buona notizie per la tartaruga marina Caretta caretta che quest'anno in Italia ha registrato un boom di nascite grazie soprattutto all'aiuto dei volontari di Legambiente. Quest'anno infatti molti sono stati gli sforzi per proteggere i 72 nidi che si trovano sulle nostre coste e per agevolare l'ingresso in acqua degli animali. Stiamo parlando di 6.000 neonati che, dopo un periodo di incubazione di circa 60 giorni, hanno raggiunto il mare.

Buone notizie per la Caretta caretta. Legambiente fa sapere di aver sorvegliato, con i suoi volontari, tutti i nidi conosciuti di tartarughe marine della specie Caretta caretta, la più comune del Mediterraneo, 72 in totale, che si distribuiscono dalla Toscana alla Calabria e dalla Basilicata alla Sicilia, per un totale di otto Regioni. I neonati sono circa 6.000 e sono venuti al mondo dopo 60 giorni di incubazione: sulla sabbia poi si sono fatte strada fino a raggiungere il mare. L'ultimo giro di nascite è di questi giorni, sull'isola di Linosa, dopo il nido era stato deposto lo scorso 18 agosto. Siamo praticamente a fine stagione delle nidificazioni e della nascite.

L'importante aiuto di Legambiente. A permettere questo boom di nascite è stato l'aiuto dei volontari di Legambiente che hanno vigilato i nidi difendendoli sia dai predatori naturali, sia dagli esseri umani adulti ‘armati' di ombrelloni e sia dai bambini con paletta e secchiello.

Perché il boom di nascite è una buona notizia. “Con le nascite di questa estate un esercito di tartarughine si appresta ad affrontare la vita nei nostri mari – ha dichiarato Stefano Ciafani, Presidente Nazionale di Legambiente -. Ma purtroppo solo una parte di esse riuscirà a sopravvivere e a raggiungere l’età adulta”. Studi scientifici fanno sapere che su mille esemplari nati solo uno riuscirà a vivere abbastanza da raggiungere la maturità sessuale, a 20 anni.

Adottare una tartaruga. Se anche voi volete proteggere le tartarughe marine dei nostri mari, potete partecipare al progetto ‘Tarta Love' che ti permette di adottare a distanza una tartaruga.