Credit: ASI
in foto: Credit: ASI

Su Titano, la più grande luna di Saturno, ci sono spettacolari, profondi e piccoli laghi di metano che si trovano arroccati in cima alle colline. Questo è quanto rivelano la NASA, l’Agenzia Spaziale Italia e l’Agenzia Spaziale Europea dopo aver analizzato i dati ottenuti dalla sonda Cassini durante il suo ultimo sorvolo del 2017. Vediamo insieme come sia possibile e cosa c’è da sapere sui laghi di metano di Titano.

Laghi profondi e piccoli. La sonda Cassini, durante il suo ultimo sorvolo di Titano, la luna più grande di Saturno, ha raccolto una grande quantità di dati che analizzati da NASA, ESA e ASI ha portato alla scoperta di piccoli laghi liquidi nell’emisfero settentrionale. I laghi di Titano sono dunque ‘sorprendentemente profondi, arroccati in cima a colline e pieni di metano’. Nello specifico, si pensa che siano profondi più di 100 metri e lo studio pubblicato su Nature Astronomy ci permette di comprendere meglio come il metano liquido piova, evapori o penetri in Titano, che è l’unico corpo planetario del nostro sistema solare, diverso dalla Terra, noto per contenere liquido stabile sulla sua superficie. E non è tutto. Questi laghi, larghi poche decine di metri, dicono qualcosa di nuovo sulla geologia di Titano poiché richiamato la formazione di quelli che danni sono i laghi carsici, che si formano quando l’acqua dissolve il substrato roccioso calcareo.

Le differenze con la Terra. Gli scienziati spiegano che il ciclo idrologico di Titano ha un funzionamento che è simile a quello delle Terra, con la differenza che invece di acqua che evapora dai mari, formando nuvole e pioggia, su Titano ci sono metano ed etano, che sulla luna non sono in forma gassosa, ma si comportano come liquidi, viste la basse temperature, che ricordano la benzina sul nostro Pianeta.

Una novità? La conferma dei laghi di metano non è una novità, gli scienziati erano a conoscenza della massiccia presenza di metano nei grandi mari del nord, ciò che sorprende è la presenza di piccoli laghi. Prima di ora era stato misurato un unico grande lago nell’emisfero meridionale di Titano, l’Ontario Lacus, dove c’era un mix quasi uguale di metano ed etano, quest’ultimo è poco più pesante del primo.

Conclusioni. La scoperta dimostra ancora una volta la differenza idrologica tra i due emisferi di Titano che da un lato presenta ampi oceani non profondi e dall’altro laghi montani molto profondi.