417 CONDIVISIONI
1 Settembre 2015
16:00

Scoperti i tre parametri che regolano il nostro invecchiamento

Il nostro invecchiamento è influenzato dalla stabilità delle reti genetiche che può essere modificata agendo sui parametri che la regolano.
A cura di Zeina Ayache
417 CONDIVISIONI
Le reti genetiche e l’invecchiamento
Le reti genetiche e l’invecchiamento

Il nostro invecchiamento è influenzato dalla stabilità delle reti genetiche che, con il passare del tempo, fanno fatica a sopportare lo stress, perdono resistenza e incrementano il tasso di mortalità. A darne notizia è un gruppo di scienziati dell'azienda biotech Gero, guidato dal professor Robert J. Shmookler Reis, che ha pubblicato su Scientific Reports lo studio intitolato “Stability analysis of a model gene network links aging, stress resistance, and negligible senescence” grazie al quale, in futuro, si potrebbero sviluppare nuove terapie per combattere l'invecchiamento e le malattie ad esso collegate.

I ricercatori hanno analizzato la stabilità di una rete genetica, che descrive l'attività di migliaia di geni, e hanno scoperto che questa è “intrinsecamente instabile” e, con il passare del tempo, riesce a resistere sempre meno allo stress al punto da aumentare il rischio di mortalità. Osservando la talpa senza pelo, caratterizzata da una particolare stabilità cellulare che le permette di vivere a lungo, “Abbiamo ipotizzato che l'instabilità potesse essere proprio la causa dell'invecchiamento” spiega il dottor Peter Fedichev del Gero.

Rispetto a questo animale infatti, il tasso di mortalità dell'essere umano o di altre specie animali incrementa con il passare degli anni, allo stesso tempo invece, invecchiando, la riproduttività, le funzioni rigenerative e la resistenza allo stress diminuiscono. Ciò che ci distingue è proprio la stabilità di queste reti genetiche.

A regolarle, secondo i ricercatori, sarebbero tre parametri: una efficace connessione della rete genetica, la grandezza del genoma e la capacità del DNA di ripararsi. Agendo su uno di questi parametri, ipotizzano gli scienziati supportati da precedenti studi, è possibile influenzare la durata della vita di una persona. Grazie a questa scoperta, che necessita di ulteriori approfondimenti, in futuro potremmo avere nuove terapie capaci di agire sulle malattie legate all'età.

417 CONDIVISIONI
Invertire l’invecchiamento del cervello è possibile, secondo questo studio
Invertire l’invecchiamento del cervello è possibile, secondo questo studio
Jeff Bezos finanzia una nuova società per la ricerca di un elisir anti invecchiamento
Jeff Bezos finanzia una nuova società per la ricerca di un elisir anti invecchiamento
Scoperto come riprogrammare le cellule per sconfiggere il cancro
Scoperto come riprogrammare le cellule per sconfiggere il cancro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni