Sgridare il vostro cane incrementa in lui l'insicurezza e vi rende meno credibili ai suoi occhi. Questo è quanto sostengono i ricercatori della Brigham Young University che su Animal Cognition hanno pubblicato lo studio intitolato “Does affective information influence domestic dogs’ (Canis lupus familiaris) point-following behavior?” che analizza proprio la velocità di risposta dei 4 zampe alle richieste dei proprietari in base alle emozioni espresse (positive o negative).

I social network sono pieni di video in cui i proprietari di cani si divertono a riprendere il loro amico a 4 zampe mentre viene sgridato per aver mangiato/rotto qualcosa in casa: cani con musi (secondo noi) colpevoli che abbassano le orecchie, girano il volto e hanno la coda fra le gambe. Ricordiamoci che il senso di colpa non è tipico dei cani, soprattutto in contesti simili in cui Fido viene rimproverato ore e ore dopo aver commesso l'errore di cui viene accusato e che lo sguardo da vittima è solo una risposta al nostro modo di porci nei suoi confronti (come già dimostrato in passato).

Consapevoli delle loro capacità empatiche, i ricercatori si sono chiesti se i cani siano in grado di modificare il loro comportamento in relazione alle emozioni espresse dai proprietari. Per rispondere a questa domanda hanno effettuato due test in cui i proprietari indicavano al loro cane di cercare un premietto nascosto in un punto inesplorato precedentemente. Durante il primo test il proprietario forniva indicazioni con una voce allegra ed esprimendo emozioni positive, durante il secondo test invece il tono era più severo, quasi arrabbiato, e le emozioni espresse erano negative.

I dati raccolti hanno mostrato che se il tempo di risposta non migliorava, rispetto al gruppo di controllo, nel caso delle emozioni positive, rallentava però quando le emozioni del proprietario erano negative. Insomma, quando siamo arrabbiati con il nostro cane e lo sgridiamo lui tende ad aver meno fiducia in noi e le sue motivazioni ad esplorare e perlustrare si riducono.

Se volete farvi ascoltare dal vostro amico a 4 zampe, in pratica, è inutile continuare a sgridarlo. Così facendo riducete la sua autostima, le sue capacità di ragionamento e la fiducia che ha in voi. Stimolare il nostro cane a seguirci, ad affidarsi a noi collaborando, permette di educare un individuo capace di pensare e di stare al mondo serenamente.