Scoperta una possibile correlazione tra l'avere gli occhi chiari, siano questi di colore verde, grigio o azzurro, e l'alcolismo. Secondo uno studio condotto Arvis Sulovari, un dottorando presso il Microbiology and Molecular Genetics Dawei Li (Vermont), le persone che hanno gli occhi chiari hanno una maggiore probabilità di sviluppare una dipendenza dall’alcol rispetto a quelle con gli occhi castani o neri. I risultati dello studio, pubblicati sulle pagine del "Journal of Medical Genetics: Neuropsychiatric Genetica", sembrerebbero molto importanti perché grazie a questi i ricercatori potrebbero ora individuare le origini genetiche dell’alcolismo come anche quelle di altre malattie psichiatriche.

Americani ed europei più a rischio. Stando ai dati raccolti dallo scienziato, che si è avvalso della collaborazione di un team di collaboratori, gli americani e gli europei sono i più esposti ai rischi legati all’alcolismo. Lo studio ha identificato anche delle componenti genetiche che si stabilizzano lungo uno specifico cromosoma legato all’eccessivo consumo di alcol. "Non siamo ancora in grado di comprenderne le ragioni – evidenzia Arvis – ma con ulteriori ricerche potranno chiarire meglio ogni aspetto oscuro”. Per giungere a tale conclusioni i ricercatori hanno esaminato un database clinico e genetico di oltre 10 mila persone, principalmente afro-americani e americani di origine europea con diagnosi di almeno una malattia psichiatrica (depressione, schizofrenia, disturbo bipolare, dipendenza dall’alcol o da stupefacenti).

Un legame anche tra alcolismo e malattie psichiatriche. Si tratta di patologie complesse – hanno spiegato i ricercatori -. I geni coinvolti sono infatti molti, e dobbiamo considerare anche i fattori ambientali”. Da quell’immenso database Sulovari è riuscito ad ottenere un discreto numero di individui che presentavano dipendenza dall’alcol e tutti erano caratterizzati da una colorazione chiara degli occhi. Il team di scienziati spera ora di ottenere nuove sovvenzioni, così da poter proseguire gli studi e chiarire le relazioni geniche individuate. L’obiettivo è comprendere il ruolo di ogni singolo gene e di conseguenza le cause scatenanti delle tante malattie mentali oggi note.