4 Novembre 2021
18:03

Questi sono i Paesi che hanno inquinato di più dal 1850 a oggi: c’è anche l’Italia

La classifica per emissioni di CO2 è stata stilata dal Carbon Brief che ha esaminato la responsabilità climatica di ciascuna nazione e verificato le emissioni pro-capite in ogni Stato. Paesi come gli Usa e la Cina, che storicamente hanno prodotto più CO2, non sono in realtà quelli con il più alto livello di emissioni pro-capite. Anche l’Italia, nella top 20 dei maggiori contributori cumulativi, non è tra i peggiori in termini di responsabilità dei singoli cittadini.
A cura di Valeria Aiello

Le emissioni di anidride carbonica (CO2) dall’inizio della Rivoluzione industriale sono strettamente legate a circa 1,2 °C di riscaldamento globale che si è già verificato. In totale, dal 1850 ad oggi, l’uomo prodotto circa 2.500 miliardi di tonnellate di CO2 (GtCO2), lasciando meno di 500 GtCO2 al bilancio che limiterebbe l’aumento delle temperature medie entro 1,5 °C. Storicamente, non tutti i Paesi hanno però contribuito in uguale misura alle emissioni, come evidenziato dall’ultimo rapporto del Carbon Brief che ha esaminato la responsabilità di ciascuna nazione. L’analisi, che per la prima volte include le emissioni di CO2 dovute all’utilizzo del suolo e alla silvicoltura, oltre a quelle da combustibili fossili, è stata pubblicata alla vigilia della COP26 di Glasgow, l’appuntamento ritenuto cruciale nel destino della transizione ambientale.

La classifica dei Paesi per emissioni cumulative di CO2

I 20 maggiori contributori alle emissioni cumulative di CO2 1850–2021 / Carbon Brief
I 20 maggiori contributori alle emissioni cumulative di CO2 1850–2021 / Carbon Brief

Al primo posto della classifica dei Paesi che hanno contribuito maggiormente alle emissioni di CO2 tra il 1850 e il 2021 troviamo gli Stati Uniti che, secondo le stime, hanno emesso più di 509 miliardi di tonnellate di CO2, ovvero il 20,3% del totale globale, cui è associato un aumento medio della temperatura di 0,2 °C.

Al secondo posto, relativamente distante dagli Usa, c’è la Cina, con l’11% delle emissioni di CO2, seguita da Russia (7%), Brasile (5%) e Indonesia (4%). Al sesto posto troviamo la Germania, con il 3,5% delle emissioni totali, davanti a India e Regno Unito con circa il 3%, davanti a Giappone (2,7%) e Canada (2,6%) che completano le prime dieci posizioni. Fuori dalla top ten l’Italia, che occupa la 19esima posizione, seguita dall’Iran.

Le emissioni pro-capite dal 1850 ad oggi

La responsabilità nazionale cumulativa non corrisponde però alle emissioni pro-capite, da cui emerge come Paesi con contributi totali più bassi abbiano in realtà una responsabilità ben più grande in termini di CO2. Al primo posto della classifica troviamo infatti la Nuova Zelanda, che non era neppure presente nella top 20 cumulativa, seguita dal Canada e dall’Australia. Quarto posto per gli Stati Uniti, davanti ad Argentina e Qatar, mentre l’Italia non rientra nelle prime venti posizioni.

Nelle prime dieci posizioni troviamo anche Gabon, Malesia, Repubblica del Congo e Nicaragua, a causa delle emissioni dovute alla deforestazione, sebbene l’ attribuzione di “responsabilità” per queste emissioni solleva difficili questioni relative alla colonizzazione e allo sfruttamento di risorse naturali da parte di coloni stranieri.

Eolica e solare possono coprire oltre l'80% del fabbisogno energetico dei Paesi industrializzati
Eolica e solare possono coprire oltre l'80% del fabbisogno energetico dei Paesi industrializzati
È possibile alimentare interi Paesi con le sole energie rinnovabili: perché non lo stiamo facendo?
È possibile alimentare interi Paesi con le sole energie rinnovabili: perché non lo stiamo facendo?
Quanto hanno inquinato i leader mondiali per andare alla COP26 con l'aereo privato
Quanto hanno inquinato i leader mondiali per andare alla COP26 con l'aereo privato
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni