331 CONDIVISIONI
2 Aprile 2021
15:00

Questi fattori sono associati a un più alto rischio di infezione da coronavirus

A identificarli è un team di ricerca statunitense che ha osservato un nesso tra alcune condizioni cardio-metaboliche e la vulnerabilità all’infezione: diabete e obesità espongono non solo a un maggior rischio di ricovero e complicanze Covid ma anche a una più alta probabilità di infezione.
A cura di Valeria Aiello
331 CONDIVISIONI

Alcuni fattori legati allo stile di vita sono associati a un più alto rischio di contrarre l’infezione da coronavirus. A rilevarli è un nuovo studio condotto un team di ricerca della School of Medicine dell’Università del Maryland a Baltimora, negli Stati Uniti, che ha osservato un nesso tra alcuni profili cardio-metaboliche di base e la vulnerabilità all’infezione. Tra questi, il diabete di tipo II e un indice di massa corporea (BMI) più elevato espongono non solo a un maggior rischio di ricovero e complicanze di Covid-19 ma anche a una più alta probabilità di infezione.

Questi due fattori, in particolare, sono emersi dal confronto di un set di dati presenti nella UK Biobank, il database britannico istituito nel 2006 e che, in forma anonima, raccoglie i dati di circa 500.000 persone di età compresa tra i 40 e 69 anni. Gli studiosi hanno esaminato le informazioni sullo stile di vita, la storia medica e le abitudini nutrizionali di un totale di 9.005 persone, di cui 1.508 hanno ricevuto una diagnosi di Covid-19.

L’analisi, i cui dettegli sono stati pubblicati sulla rivista Plos One ha rilevato che le persone risultate positive a Sars-Cov-2 avevano maggiori probabilità di essere obese o avere il diabete di tipo II. Al contrario, coloro che non hanno contratto l’infezione da coronavirus avevano maggiori possibilità di avere alti livelli di colesterolo “buono” (HDL) ed essere normopeso. “Alcuni fattori cardio-metabolici di base sembrano proteggere dall’infezione mentre altri rendono le persone più vulnerabili all’infezione – ha affermato Charles Hong, professore della Medical School dell’Università del Maryland e co-autore corrispondente dello studio – . Anche se il nostro lavoro non è stato progettato per determinare quali siano i fattori che causano effettivamente l’infezione, queste associazioni statistiche sottolineano l’importanza di uno stile di vita sano e il buon funzionamento del sistema immunitario”.

L’analisi ha tenuto conto di potenziali fattori di confusione, come lo stato socioeconomico, età, sesso, razza ed etnia. “I nostri risultati indicano alcune misure salutari che le persone possono adottare per ridurre potenzialmente il rischio di infezione – ha aggiunto Hong – . Il controllo del peso corporeo è molto importante e potrebbero essere utili misure che aumentino i livelli di colesterolo HDL, come l’esercizio fisico regolare e una dieta ricca di grassi monoinsaturi, come l’olio extravergine di oliva e l’avocado”

331 CONDIVISIONI
Quali sono i sintomi e gli altri fattori associati a un rischio maggiore di morire per Covid
Quali sono i sintomi e gli altri fattori associati a un rischio maggiore di morire per Covid
Le disabilità intellettive sono il secondo fattore di rischio (dopo l'età) nella mortalità per Covid
Le disabilità intellettive sono il secondo fattore di rischio (dopo l'età) nella mortalità per Covid
Contrarre il coronavirus in gravidanza non aumenta il rischio di morte del bambino
Contrarre il coronavirus in gravidanza non aumenta il rischio di morte del bambino
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni